Il Covid torna a fare paura, i mercati chiudono una settimana nera

Il Covid torna a fare paura, i mercati chiudono una settimana nera

Non basta la speranza per il nuovo piano di stimoli negli Usa. Le Borse europee chiudono in rosso. Giù anche l'euro, l'oro e il petrolio

Mercati Covid settimana nera

© JOHANNES EISELE / AFP - La Borsa di Wall Street

AGI - Lo spettro del coronavirus torna a spaventare i mercati, che archiviano una settimana caotica e in rosso. La dichiarata allerta per la diffusione dei contagi ha preoccupato gli investitori europei, con Regno Unito, Francia e Spagna alle prese con restrizioni e nuovi record di casi. Ma i contagi aumentano di giorno in giorno in tutto il Vecchio continente, dove il numero di casi ha superato quota cinque milioni. La commissaria Ue alla salute, Stella Kyriakides, ha sottolineato che il momento "è decisivo", e ha invitato gli Stati a prepararsi "a mettere in atto misure di controllo al primo segno di potenziali focolai" perché "potrebbe essere l'ultima speranza di prevenire il ritorno della situazione di aprile", quando gran parte del continente era in lockdown. Nella settimana tutti i listini europei hanno perso, ma le piazze di Parigi e Francoforte sono state le più penalizzate con un calo superiore al 5%. 

Oggi a Parigi il Cac40 ha ceduto lo 0,69% a 4.729,66 punti e chiuso la peggiore seduta settimanale degli ultimi tre mesi. A Francoforte il Dax ha perso l'1,71% a 12.459,70 punti e a Milano l'indice Ftse Mib ha lasciato sul terreno l'1,1% a 18.698 punti. In controtendenza la Borsa di Londra, che ha terminato la sessione in leggero rialzo (+0,34% a 5.842,67 punti) approfittando dell'impennata delle azioni legate al settore delle scommesse per un'offerta su William Hill.  

Settimana nera anche per Wall Street, la quarta consecutiva di ribassi, che però inverte la tendenza in finale. Oggi gli indici della Borsa di New York, dopo un'apertura debole e in ordine sparso, hanno rialzato la testa e tentato il rimbalzo, trainati dai titoli tecnologici. Gli acquisti hanno premiato Apple, Facebook, Alphabet (la casa madre di Google), Amazon, e Netflix, che sono percepite come attività relativamente sicure in un momento di incertezza economica. Così Nasdaq ha chiuso a +2,26% a 10.913,56 punti, il Dow Jones a +1,34% e lo S&P a +1,53%.

Ancora in calo il petrolio. A frenare i prezzi è sempre l'ombra del coronavirus, con le crescenti preoccupazioni per il rallentamento della ripresa della domanda di carburante. Sui prezzi presa anche il ritorno dell'export libico. Al Nymex il Wti ha terminato la sessione a 40,21 dollari (-0,25%).

Sul fronte valutario l'euro è sceso ulteriormente sul dollaro e oggi ha toccato un nuovo minimo dalla fine di luglio. La moneta unica è passata di mano a 1,1619 dollari e 122,71 yen. "L'aumento del numero di casi di Covid-19 in Europa e le difficili discussioni sulla Brexit continuano", hanno osservato gli analisti di Ubs. "La caduta del dollaro a giugno e luglio è stata motivata dal presupposto che la situazione fosse peggiore negli Stati Uniti e che gli effetti a lungo termine sul Pil sarebbero stati più pronunciati" che in Europa, ha ricordato Ulrich Leuchtmann, analista di Commerzbank. Gli investitori hanno tenuto d'occhio anche gli Stati Uniti, dove l'ottimismo sul nuovo pacchetto di stimoli sta aumentando, sebbene la sua adozione prima delle presidenziali resti molto incerta.

Giù anche l'oro, che nel corso della settimana è sceso di circa il 4,4%, la sua peggiore performance da marzo: lunedì e mercoledì, ad esempio, il metallo prezioso ha registrato un calo del 2% in ciascuna delle sessioni. In caduta anche i prezzi di platino e palladio, rispettivamente di circa il -10% e il -6% rispetto a venerdì scorso. Gli analisti sostengono che non ci sia una ragione precisa per questo nuovo trend, più simile a una "piccola anomalia". Certo è che però il rafforzamento del biglietto verde mette pressione alle materie prime, in quanto essendo le quotazioni in dollari, i metalli diventano più costosi per gli investitori. Oggi un'oncia d'oro è passata di mano a 1.862,36 dollari rispetto ai 1.950,86 dollari di venerdì scorso.