Gualtieri: Pil in caduta, Recovery Fund è un'opportunità unica

Gualtieri: Pil in caduta, Recovery Fund è un'opportunità unica

Il ministro a Cernobbio: "Il Paese deve saper cogliere l'opportunità dei fondi Ue  per uscire da questa pesante crisi e riprendere un percorso di crescita"

gualtieri recovery fund cernobbio

©
Minichiello / AGF - Roberto Gualtieri

AGI - "Il Recovery fund è un'opportunità unica che il Paese deve saper cogliere per uscire da questa pesante crisi e riprendere un percorso di crescita". Lo ha affermato il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, al Forum Ambrosetti.

"Non vi è dubbio  - ha detto il ministro - che quest'anno ci sarà una caduta senza precedenti del Pil", tuttavia "anche se al momento non posso darvi la cifra esatta", si può ipotizzare che "la contrazione annuale sarà inferiore alla doppia cifra".

"Il recovery plan - ha aggiunto Gualtieri - ci dà lo spazio anche fiscale per far entrare a regime una riforma che speriamo sia ambiziosa e dia semplicità al sistema tributario e riduzione del carico fiscale, soprattutto per i redditi medi e medio bassi". "Sarà incentrato sugli investimenti, che hanno un forte impatto su Pil e crescita economica. Vedrete le nostre stime a breve". "Questa massa di investimenti aggiuntivi - ha spiegato  - ci darà anche lo spazio per, gradualmente, far entrare a regime una riforma fiscale che strutturalmente si finanzierà con il contrasto all'evasione fiscale e con una riforma del sistema delle detrazioni e dalla tassazione ambientale".

"Riteniamo che su un orizzonte più lungo la situazione andrà migliorando. I progressi sul fronte dei test, delle terapie e dei vaccini porterà a un graduale ritorno della normalità nel corso del 2021. E se non avverranno altri shock l'economia riprenderà.

Durante la crisi provocata dalla pandemia "l'Europa è stata davvero all'altezza della sfida con una serie di interventi prima regolatori e poi di politica monetaria e fiscale" ha aggiunto Gualtieri, secondo il quale bisogna dare atto alla "lungimiranza della classe dirigente di diversi Paesi", in primis "Francia e Germania" ma anche grazie "al ruolo politico svolto da questo Governo che ha messo la barra dritta verso l'Europa".