Milleproroghe: dai precari ai termosifoni, il decreto in 11 punti

Ecco tutte le novità (e le nuove scadenze) del testo licenziato dal Governo. Pensioni, il pagamento resta il primo del mese

Milleproroghe: dai precari ai termosifoni, il decreto in 11 punti
 Lavoro ufficio (pixabay)

Roma - Anche nel 2017 le pensioni verranno pagate il primo del mese. E i circa 40mila precari della Pubblica Amministrazione potranno continuare a lavorare con un contratto 'co-co-co'. Sono alcune delle misure contenute nel 'MIlleproroghe', il decreto omnibus approvato mercoledì dal Consiglio dei ministri. Come dice il nome, il provvedimento - nato nel 2004 come misura eccezionale e riproposto nella stessa forma per 13 anni - serve appositamente per posticipare scadenze fissate entro la fine dell'anno e prolungare l'efficacia di disposizioni. Dal lavoro agli adeguamenti anti-incendio nelle scuole, ecco tutte le novità:

1 - Salvi i precari della Pubblica Amministrazione 

Salvi per un altro anno i circa 40mila precari della PA: vengono prorogati al 31 dicembre 2017 i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto.  Viene dunque meno la 'tagliola' del primo gennaio 2017, come limite massimo per i co-co-co, inserita nel Jobs act. Proroga di un anno anche per i contratti a tempo determinato che, nella P.A. sono circa 2mila.

 

 

2 - Graduatorie dei concorsi

Viene prorogata fino al 31 dicembre 2017 l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato. La misura è studiata per i vincitori di concorsi che non sono stati chiamati per il blocco del turn over


3 - Pagamento pensioni il primo del mese

l decreto conferma anche per il 2017 i tempi di pagamento delle prestazioni previdenziali: i trattamenti pensionistici verranno pagati il primo giorno di ciascun mese o il giorno successivo se festivo o non bancabile, fatta eccezione per il mese di gennaio, in cui il pagamento avverrà nel secondo giorno bancabile.

4 - Centri per l'Impiego possono assumere a tempo determinato

Per quanto riguarda i dipendenti dei Centri per l'Impiego, il decreto proroga al 31 dicembre 2017 la possibilità, per le province e le città metropolitane, di stipulare contratti a tempo determinato per consentire la continuità dei servizi erogati. I Centri per l'Impiego sono inoltre interessati dalla norma di carattere generale, contenuta nel decreto, che prevede la possibilità, per le Pubbliche Amministrazioni, di stipulare contratti di collaborazione anche per il 2017. 

5 - Adeguamenti anti-incendio nelle scuole

Proroga al 31 dicembre 2017 sia per l'adeguamento degli edifci scolastici alla normativa anti-incendio suia per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione da parte dei Comuni. 

6 - Università e ricerca, prorogati i contratti dei ricercatori

Vengono prorogati di un anno i contratti dei ricercatori a tempo determinato nterno

7 - Ammortizzatori per le imprese nelle aree di crisi

Riguardo agli ammortizzatori sociali per le aree di crisi industriale, il decreto estende al 2017 la possibilità di concedere un ulteriore intervento di integrazione salariale straordinaria, sino al limite massimo di 12 mesi, alle imprese che operano in tali aree. Le aziende devono però presentare un piano di recupero occupazionale che preveda percorsi di politiche attive del lavoro, concordati con la Regione e finalizzati alla rioccupazione dei lavoratori

8 - Valvole termostatiche per i termosifoni

Sei mesi in più, fino al 30 giugno, per installare nei condomini le termovalvole, evitando così di incorrere nelle pesati multe previste: da 500 a 2.500 euro per ogni unità immobiliare

9 - Stop pagamento mutui per i terremotati

Viene estesa a tutto il 2017 la sospensione del pagamento di mutui e finanziamenti bancari per i residenti nei comuni colpiti dal terremoto del Centro Italia. E' prorogata di ulteriori 6 mesi, limitatamente ai soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, la sospensione temporanea dei termini di pagamento delle fatture (gas, elettricità, acqua, assicurazioni, telefonia, RAI)

10 - Editoria

E' prorogato al 31 dicembre 2017 il termine a decorrere dal quale è obbligatorio assicurare la tracciabilità delle vendite e delle rese della stampa quotidiana e periodica. Il credito d’imposta previsto per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori della rete, distributori ed edicolanti è conseguentemente riconosciuto per gli interventi di adeguamento tecnologico sostenuti sino al 31 dicembre 2017

11 - Concessioni ambulanti prorogate al 2020

Prorogata di tre anni e mezzo la scadenza delle concessioni per i venditori ambulanti. Il termine slitta dal luglio 2017 alla fine del 2020.




Per approfondire:

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n.7