Lavoro: Camusso, sciopero? Governo che ci costringe a scontro

(AGI) - Roma, 24 set. - La Cgil non vuole lo scontro conl'esecutivo sulla riforma del lavoro ma e' il governo che lasta costringendo ad un conflitto, poiche' intende accelerare ladiscussione della riforma del mercato del lavoro in modo daconcludere entro la prima settimana di ottobre. Lo ha affermatoil segretario generale della Cgil, Susanna Camusso,intervistata a 'Porta a porta'. "Per quanto riguarda losciopero, valuteremo, ma vogliamo accompagnare i tempi delladiscussione", aveva affermato Camusso prima che il conduttorele ricordasse l'intenzione del governo di accelerare. "Allorapotrei dire che non siamo noi che

(AGI) - Roma, 24 set. - La Cgil non vuole lo scontro conl'esecutivo sulla riforma del lavoro ma e' il governo che lasta costringendo ad un conflitto, poiche' intende accelerare ladiscussione della riforma del mercato del lavoro in modo daconcludere entro la prima settimana di ottobre. Lo ha affermatoil segretario generale della Cgil, Susanna Camusso,intervistata a 'Porta a porta'. "Per quanto riguarda losciopero, valuteremo, ma vogliamo accompagnare i tempi delladiscussione", aveva affermato Camusso prima che il conduttorele ricordasse l'intenzione del governo di accelerare. "Allorapotrei dire che non siamo noi che vogliamo lo scontro ma e' ilgoverno che ci costringe", ha replicato quindi il leader dellaCgil che ha comunque ribadito che "non ci si deve mairassegnare allo scontro e cercare sempre soluzioni positive"."Non mi pare che il governo abbia alcuna intenzione da questopunto di vista e questo lo reputo preoccupante", ha conclusoCamusso. .