Landini: impegno per riunificare il mondo del lavoro

(AGI) - Roma, 15 mar. - "Il sindacato non deve essere unpartito. Non voglio fare un partito ne' uscire dal sindacato",ma "riunificare il mondo del lavoro". Lo ha detto il leaderdella Fiom, Maurizio Landini, a in 1/2 ora su Rai3. Per Landinisi tratta di "una aggregazione sociale con una funzionepolitica" per battere le iniziative del governo e diConfindustria "che hanno tolto diritti a tutti. Vogliamomettere insieme tutti i lavoratori dipendenti e autonomi, oggidivisi". "La nostra iniziativa sta dentro la strategia della Cgil" ha aggiunto Landini: "Con Camusso sono tre mesi che stiamo

(AGI) - Roma, 15 mar. - "Il sindacato non deve essere unpartito. Non voglio fare un partito ne' uscire dal sindacato",ma "riunificare il mondo del lavoro". Lo ha detto il leaderdella Fiom, Maurizio Landini, a in 1/2 ora su Rai3. Per Landinisi tratta di "una aggregazione sociale con una funzionepolitica" per battere le iniziative del governo e diConfindustria "che hanno tolto diritti a tutti. Vogliamomettere insieme tutti i lavoratori dipendenti e autonomi, oggidivisi". "La nostra iniziativa sta dentro la strategia della Cgil" ha aggiunto Landini: "Con Camusso sono tre mesi che stiamoparlando alla luce del sole. Siamo insieme nella battagliacontro il Jobs act e per un nuovo statuto di tutti ilavoratori". Per Landini serve "una riforma del sindacato" e quindi"anche della Cgil. Il sindacato deve cambiare, siamo di frontea una situazione differente" dopo la cancellazione dei dirittidei lavoratori e "dobbiamo fare i conti con il problema dellacrisi della politica". Per ridare slancio alla crescita, "La lotta alla corruzionee non l'abolizione dell'art.18 puo' far ripartire l'economia". Il leader Fiom indica, in vista della manifestazione del 28marzo a Roma, anche altri punti come "lotta all'evasionefiscale, patrimoniale sui grandi patrimoni e abbassaredrasticamente l'eta' pensionabile" come "unica via per crearenuovi posti di lavoro per i giovani". (AGI).