Lagarde a Milano cita Leonardo, "genio italiano torni libero"

(AGI) - Milano, 9 dic. - E' la figura di Leonardo Da Vinci ilfilo conduttore del discorso che il direttore generale delFondo monetario internazionale, Christine Lagarde, hapronunciato per l'inaugurazione dell'anno accademicodell'universita' Bocconi di Milano. "L'Italia ha spessodimostrato la sua forza in circostanze difficili. Oggi miappello a voi per scommettere su un futuro nuovo, dove il genioitaliano e' di nuovo liberato e la creativita' e il dinamismosono i pilastri di una prosperita' ampiamente condivisa", hadetto concludendo il suo intervento. Lagarde ha ricordato aglistudenti la sua prima visita a Milano e al

(AGI) - Milano, 9 dic. - E' la figura di Leonardo Da Vinci ilfilo conduttore del discorso che il direttore generale delFondo monetario internazionale, Christine Lagarde, hapronunciato per l'inaugurazione dell'anno accademicodell'universita' Bocconi di Milano. "L'Italia ha spessodimostrato la sua forza in circostanze difficili. Oggi miappello a voi per scommettere su un futuro nuovo, dove il genioitaliano e' di nuovo liberato e la creativita' e il dinamismosono i pilastri di una prosperita' ampiamente condivisa", hadetto concludendo il suo intervento. Lagarde ha ricordato aglistudenti la sua prima visita a Milano e al dipinto dell'ultimacena di Santa Maria delle Grazie: "Pur avendo lasciato il segnoin molte citta' durante la sua vita, e' stato a Milano che ilgenio di Leonardo e il suo talento e' cresciuto e ha iniziato afiorire". Proseguendo nella metafora, Lagarde ha citato inumeri della disoccupazione in Italia e rilevato che "farebberoaccigliare la Monna Lisa, invece di farla sorridere". E ancora,elencando le riforme che il paese deve fare, ha precisato chesi tratta di formule che "non sono scritte in codice, ne' dadestra a sinistra". "Cosa ci direbbe Leonardo? - si e' chiesta- Pensate a quanti anni ci sono voluti per completare il suocapolavoro, 'L'ultima cena': quattro anni, secondo alcuniresoconti, e molti di piu' se pensiamo ai restauri. Tuttavia -ha concluso - esso rimane oggi uno dei capolavori piu' belli emaestosi mai creati". (AGI)