L'Alfa Romeo riparte dalla nuova 'Giulia'

(AGI) - Arese, 24 giu. - Il 'primo capitolo' della nuova AlfaRomeo e' realta'. La Giulia, confermato il nome, e' statapresentata questo pomeriggio ad Arese, nello stesso giornodella fondazione della casa del biscione 105 anni fa. Presentii vertici del gruppo Fiat Chrysler, dal presidente John Elkannall'a.d. Sergio Marchionne, mentre per il governo e'intervenuto il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.Presente anche il tenore Andrea Bocelli che ha parlato delproprio amore per le auto e recitato una poesia, prima dicantare l'aria 'Nessun dorma' dalla Turandot con iltradizionale 'Vincero''. La nuova Alfa e'

(AGI) - Arese, 24 giu. - Il 'primo capitolo' della nuova AlfaRomeo e' realta'. La Giulia, confermato il nome, e' statapresentata questo pomeriggio ad Arese, nello stesso giornodella fondazione della casa del biscione 105 anni fa. Presentii vertici del gruppo Fiat Chrysler, dal presidente John Elkannall'a.d. Sergio Marchionne, mentre per il governo e'intervenuto il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio.Presente anche il tenore Andrea Bocelli che ha parlato delproprio amore per le auto e recitato una poesia, prima dicantare l'aria 'Nessun dorma' dalla Turandot con iltradizionale 'Vincero''. La nuova Alfa e' una vettura conmotore biturbo a 6 cilindri, ispirato alle tecnologie Ferrari,con trazione posteriore e integrale. "Le nuove Alfa rimettonoil guidatore al centro - ha detto Harald Wester, responsabiledel marchio - abbiamo pianificato il rinascimento, l'Alfa sara'una fusione tra uomo e macchina". La nuova Giulia e' il "punto di partenza del processo diricostruzione del marchio Alfa", ha ha detto l'ad SergioMarchionne. "Abbiamo fatto 5 miliardi di investimenti, con unpiano aggressivo di cui la Giulia e' solo l'inizio, altri settemodelli seguiranno nei prossimi anni". Le vendite dell'AlfaRomeo, ha aggiunto, aumenteranno progressivamente per arrivarea 400.000 unita' nel 2018, "sei volte in piu' dell'anno scorso,quando erano state 68.000". (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it