Jobs act: Camusso, firmiamo per nuovo statuto lavoratori

(AGI) - Roma, 22 feb. - La sfida della Cgil al governo Renzi sichiama Nuovo Statuto dei lavoratori. "Si vede fare ogni sforzo- spiega la leader Cgil, Susanna Camusso, a Repubblica - perricostruire un diritto del lavoro dopo i danni determinatidalle scelte del governo. Vanno affermati i diritti universalidi tutti coloro che lavorano indipendentemente dal contratto". "Nel decreto del governo - aggiunge Camusso riferendosi alJobs act - non c'e' alcuna estensione dei diritti e delletutele. Non cambiera' nulla ed e' l'ennesima dimostrazione delbaratro che c'e' tra annunci e realta'". Per questo la

(AGI) - Roma, 22 feb. - La sfida della Cgil al governo Renzi sichiama Nuovo Statuto dei lavoratori. "Si vede fare ogni sforzo- spiega la leader Cgil, Susanna Camusso, a Repubblica - perricostruire un diritto del lavoro dopo i danni determinatidalle scelte del governo. Vanno affermati i diritti universalidi tutti coloro che lavorano indipendentemente dal contratto". "Nel decreto del governo - aggiunge Camusso riferendosi alJobs act - non c'e' alcuna estensione dei diritti e delletutele. Non cambiera' nulla ed e' l'ennesima dimostrazione delbaratro che c'e' tra annunci e realta'". Per questo la Cgilcontinuera' "la mobilitazione con tutte le forme necessarie"per una "legge universale che riconosca a tutti gli stessidiritti perche' non e' vero che per riconoscere la modernita'si debbano cancellare i diritti. Raccoglieremo le firme suquesto per una legge di iniziativa popolare". E la raccolta difirme non e' escluso possa estendersi a un referendum perl'abrogazione della legge sul Jobs act. (AGI).