Inail, calano morti e infortuni sul lavoro

Tra gennaio e marzo 2016 le denunce di incidenti sono -0,8% rispetto al 2015, -14,6% queli mortali

Inail, calano morti e infortuni sul lavoro
occupazione lavoro (agf) 

Roma - Calano infortuni sul lavoro e morti bianche nel primo trimestre del 2016. Lo comunica l'Inail, sottolineando che tra gennaio e marzo di quest'anno le denunce di infortunio sono state 152.573 (-0,8% rispetto al primo trimestre 2015) e quelle di incidenti mortali sono state 176 (in calo del 14,6% rispetto all'analogo periodo del 2015 e del 5,4% rispetto al 2014). Le denunce di infortunio nel solo mese di marzo 2016 sono state 49.346, con una diminuzione del 6,4% rispetto a marzo 2015. L'analisi territoriale evidenzia aumenti in Umbria (+ 5,1%), Friuli Venezia Giulia (+3%) e Puglia (+ 1,9%). L'analisi per classi di eta' evidenzia aumenti in controtendenza tra i 20 e i 24 anni (+2,2%) e tra i 60 e i 64 anni (+8,7%).

Sopravvissuto della Thyssen di Torino: su sicurezza fatti pochi passi avanti

Le denunce di infortunio mortale, nel solo mese di marzo 2016, sono state 61, in aumento rispetto al marzo 2015, quando erano state 55. Nel periodo gennaio-marzo 2016 sono arrivate inoltre 15.871 denunce di malattia professionale, con un aumento (+4,6%) rispetto al gennaio-marzo 2015. La distinzione per genere conferma l'andamento crescente per maschi (+6,2%) e femmine (+0,5%). L'analisi territoriale evidenzia una forte diminuzione in Puglia (-11,5%), piu' contenuta in Toscana (-2,6%), Piemonte (-2%), Calabria (-1,5%) e Sicilia (-1,5%); in Liguria (+26,3%), Lombardia (+13,8%), Sardegna (+13,4%), Abruzzo (+8,9%) e Lazio (+8,3%) si rileva, invece un aumento significativo.

Sotto il profilo della numerosita' si segnalano le malattie del sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo (7.932 con un aumento dell'1,7%), le malattie del sistema nervoso (1.483 in diminuzione dello 0,8%), le malattie dell'orecchio e dell'apofisi mastoide (1.106 in crescita dell'1,3%), le malattie del sistema respiratorio (693 in calo del 3,6%) e i tumori (577 in diminuzione dello 0,7%). Le denunce pervenute nel solo mese di marzo sono state 6.552, in aumento (+8,9%) rispetto a marzo 2015. (AGI)