Immobili: Nomisma, nel 2017 i prezzi torneranno a crescere

(AGI) - Milano, 25 mar. - Il 2016 sara' l'anno di conclusionedi una fase di flessione dei prezzi degli immobili,contraddistinto da una sostanziale invarianza rispetto a oggi,mentre nel 2017 assisteremo alla tanto attesa inversione deiprezzi, con una risalita tra il 2,5% e il 3%: e' quanto emergedal rapporto "Osservatorio sul Mercato Immobiliare Marzo 2015"curato da Nomisma, presentato stamattina a Milano pressoAssolombarda. "Rispetto al novembre scorso, data dell'ultimorapporto, soffia il vento di diverse congiuntureinternazionali" ha detto durante la presentazione Sergio DeNardis, Chief Economist del think- tank bolognese. L'abbassamento del prezzo del

(AGI) - Milano, 25 mar. - Il 2016 sara' l'anno di conclusionedi una fase di flessione dei prezzi degli immobili,contraddistinto da una sostanziale invarianza rispetto a oggi,mentre nel 2017 assisteremo alla tanto attesa inversione deiprezzi, con una risalita tra il 2,5% e il 3%: e' quanto emergedal rapporto "Osservatorio sul Mercato Immobiliare Marzo 2015"curato da Nomisma, presentato stamattina a Milano pressoAssolombarda. "Rispetto al novembre scorso, data dell'ultimorapporto, soffia il vento di diverse congiuntureinternazionali" ha detto durante la presentazione Sergio DeNardis, Chief Economist del think- tank bolognese. L'abbassamento del prezzo del petrolio e soprattutto ilquantitative easing deciso dalla BCE guidata da Mario Draghisono tutti fattori che convergono verso una rivitalizzazionedell'inflazione dell'Eurozona, e quindi verso una ripresa anchein Italia, ma secondo Nomisma sono tre le domande da porsi: laliquidita' disposta dall'alleggerimento quantitativo sidiffondera' dai mercati finanziari all'economia reale?Riuscira' Draghi a vincere la resistenza tedesca contro unamisura come l'alleggerimento quantitativo e ad espanderla neltempo? Il quantitative easing riuscira' ad accelerare leaspettative sul fronte dell'inflazione? Tutti questi quesiti siripercuotono direttamente sul settore immobiliare italiano.Nomisma ha analizzato i dati su un campione di 13 grandi citta'e 13 citta' intermedie italiane. Per il 2015 l'attesa stimatadi aumento dell'attivita' transattiva e' di circa 50mila unita'abitative, per un totale di circa 468mila transazioni. Per il2016-2017 Nomisma stima un aumento delle compravendite checondurra' a oltrepassare la soglia delle 500mila unita': siamoancora lontani dai dati del 2004-2007, quando si viaggiavasulle oltre 800mila unita'. Nomisma indica nel rapporto che"nessuna crescita travolgente e' alle porte, niente diparagonabile alla prepotente ascesa che ha caratterizzato granparte dello scorso decennio", ma il 2016 sara' comunquecaratterizzato dalla fine della fase discendente del prezzodegli immobili. (AGI)Mi9/Car.