Il Grexit e gli altri exit

di Geminello Alvi(AGI) - Roma, 12 giu. - Lo scenario di un'uscita della Greciadall'euro non puo' ancora escludersi, e genera comunque ansiaper gli effetti sull'intero edificio della moneta unica diquanto fino a l'altro ieri era considerato inconcepibile. Sisarebbe dovuto gia' da vario tempo rilevare tuttavia che dal1945, si sono verificati almeno 70 casi di uscite da qualchespazio monetario. E dunque, come appunto spiega il precisostudio dell'istituto di ricerca Oxford Economics, un Grexit nonsarebbe un evento cosi' eccezionale come si e' preteso e sipretende ancora dai fedeli dell'euro. Peraltro buona parte

di Geminello Alvi(AGI) - Roma, 12 giu. - Lo scenario di un'uscita della Greciadall'euro non puo' ancora escludersi, e genera comunque ansiaper gli effetti sull'intero edificio della moneta unica diquanto fino a l'altro ieri era considerato inconcepibile. Sisarebbe dovuto gia' da vario tempo rilevare tuttavia che dal1945, si sono verificati almeno 70 casi di uscite da qualchespazio monetario. E dunque, come appunto spiega il precisostudio dell'istituto di ricerca Oxford Economics, un Grexit nonsarebbe un evento cosi' eccezionale come si e' preteso e sipretende ancora dai fedeli dell'euro. Peraltro buona parte delle uscite si sono verificate finorain Africa e Asia, nella prima fase della loro indipendenza. Maun altro assieme e' occorso dopo il crollo della Unionesovietica e con la crisi del rublo. Evento significativamenteparallelo peraltro al disfarsi della Yugoslavia e all'abbandonodel dinaro, o alla separazione della Cecoslovacchia. Darammentarsi poi anche lo svanire del nesso storico della monetairlandese con la sterlina del Regno Unito. E si constata comedue terzi dei paesi osservati nello studio si trovassero, moltodiversamente dalla Grecia, in una chiara situazione di crescitapositiva all'uscita. Solo nell'8% dei casi l'uscita si e'infatti verificata in uno scenario di calo economico superioreal 20%. E comunque varra' la pena di rammentare che tra l'annoprima e quello dopo l'uscita in circa tre quarti dei casi si e'rilevata una crescita positiva. Alcune nazioni hanno pero' subito dopo l'uscita contrazioniimportanti, come e' accaduto per esempio in alcuni statidell'area sovietica o dell'Europa Orientale per effetto diguerre civili oltre che per la riconversione delle loroeconomie al mercato. Ma gli economisti dello studio di OxfordEconomics spiegano che si sono verificate, prima o poi, inmolti casi una notevoli capacita' di reazione positivaall'uscita. Vi sarebbe del resto qualche ragione sensata perinquadrare la Grexit proprio in qualcuno degli scenaridell'Europa orientale. E potrebbe dedursene che un Grexitrichiederebbe all'economia greca un mutamento radicale dellastruttura dei prezzi relativi e del PIL, che non risulterebbeindolore almeno nei primi anni, ma neppure implicherebbe ildisastro, come quello adesso in atto. (AGI).