Grecia, via libera al referendum Atene 'viaggia' verso il default

(AGI) - Atene, 28 giu. - A 48 ore dall'ormai probabile defaultdella Grecia e quindi la sua uscita dall'euro, il Parlamentoellenico ha approvato la richiesta del premier Alexis Tsiprasdi effettuare un referendum domenica prossima 5 luglio perottenere l'avallo popolare a respingere l'ultima offertaavanzata dai creditori, Ue-Bce-Fmi e Esm. Con i deputati della sinistra radicale di Syriza hannovotato a favore del referendum quelli di estrema destra dellaformazione filo-nazista Alba Dorata. Contro la consultazioni ifilo-europei di centro-destra di Nea Dimokratia, i socialistidel Pasok, i centristi di To Potami e i comunisti del KKE.

(AGI) - Atene, 28 giu. - A 48 ore dall'ormai probabile defaultdella Grecia e quindi la sua uscita dall'euro, il Parlamentoellenico ha approvato la richiesta del premier Alexis Tsiprasdi effettuare un referendum domenica prossima 5 luglio perottenere l'avallo popolare a respingere l'ultima offertaavanzata dai creditori, Ue-Bce-Fmi e Esm. Con i deputati della sinistra radicale di Syriza hannovotato a favore del referendum quelli di estrema destra dellaformazione filo-nazista Alba Dorata. Contro la consultazioni ifilo-europei di centro-destra di Nea Dimokratia, i socialistidel Pasok, i centristi di To Potami e i comunisti del KKE. Il premier Alexis Tsipras ha chiuso il dibattito inParlamento chiedendo ai suoi connazionali di votare "no " alreferendum del prossimo 5 luglio per respingere "l'insulto"ricevuto dai creditori. "Il momento della verita' per loro e'venuto, il momento di quando vedranno che la Grecia non siarrendera', che la Grecia non e' un gioco cui si puo' metterefine. Sono certo che il popolo greco sara' all'altezza dellestoriche circostanze ed emettera un forte no all'ultimatim". L'uscita della Grecia dall'Euro non e' mai stata tantovicina, ma proprio nel giorno in cui e' saltato il tavolo delnegoziato fra Atene e le istituzioni (l'ex troika ovvero Ue,Bce e Fmi oltre all'Esm) e l'Eurogruppo si e' riunito per laprima volta senza un suo membro, i paesi della moneta unicaribadiscono che gli strumenti di cui si sono dotati negliultimi anni permetteranno di combattere il rischio contagio edi evitare il peggio. "La Grecia fa ancora parte dell'Euro", e'stato ripetuto questa sera a Bruxelles dai partner e dalleistituzioni, e anche il rischio di un default non e' imminente.Infatti il governo ha potuto pagare gli stipendi dei dipendentipubblici e se martedi', come e' probabile, non potra' pagare ilsuo debito da 1,6 miliardi con il Fmi, si trovera' in unasituazione di arretrato, o al massimo di default ma solo neiconfronti de Fondo. In ogni caso, ci si aspetta per lunedi'"una giornata molto difficile" per i mercati finanziari e lebanche elleniche.(AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it