Grecia: tentativo dell'Eurogruppo Tsipras valuta l'offerta di Juncker

(AGI) - Bruxelles, 30 giu. - Il presidente della CommissioneEuropea ha fatto un ultimo tentativo di riportare al tavolodelle trattative il primo ministro

(AGI) - Bruxelles, 30 giu. - Il presidente della CommissioneEuropea ha fatto un ultimo tentativo di riportare al tavolodelle trattative il primo ministro greco, Alexis Tsipras, chestarebbe "valutando" la proposta. Secondo fonti comunitarie,Juncker avrebbe detto a Tsipras di essere disposto a convocareun Eurogruppo di emergenza oggi che stanzi immediatamente nuoviaiuti se il premier ellenico mandera' un'accettazione scrittadei termini proposti dai creditori per il varo di un nuovopiano di aiuti. Juncker avrebbe inoltre promesso unriscadenzamento del debito di Atene se al referendum vincerannoi si', che sancirebbero la permanenza del paese nell'euro.Tsipras, secondo quanto apprende il quotidiano 'Kathimerini',starebbe "valutando la proposta". Appello di Stiglitz, Piketty e D'Alema sul Financial TimesIntanto Joseph Stiglitz, premio Nobel e professore allaColumbia University, Thomas Piketty, professore all'Ecoled'economie de Paris, Massimo D'Alema, presidente della Feps,Mary Kaldor, professore alla London School of Economics,Stephany Griffith-Jones, professore alla Columbia University,James Galbraith, professore all'University del Texas, ed altriautorevoli economisti hanno sottoscritto un appello in favoredella Grecia, pubblicato oggi dal Financial Times. "Chiediamoai leader europei di evitare di scrivere una brutta pagina distoria" si legge nella missiva rivolta ai governi dell'UE da "Occorre mettere la Grecia in grado di pagare 1,6 miliardi dieuro al FMI", si legge nell'appello, che prosegue: "bisognapermettere uno swap del debito con titoli della Bce dovuti inluglio e agosto in cambio di bond dal fondo di salvataggio, conscadenze piu' lunghe e tassi di interesse piu' bassi, cheriflettano gli inferiori oneri finanziari dei creditori". Nell'appello si esorta a ricominciare le trattative"tenendo, in primo luogo, in considerazione che le politicherestrittive di austerita' richieste alla Grecia sono statescreditate dallo stesso dipartimento di ricerca del FMI. Insecondo luogo, non bisogna dimenticare che i leader di Syrizasi sono impegnati a intraprendere in Grecia riforme di ampiaportata, se avranno lo spazio di manovra per farlo". (AGI).

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it