Grecia: Dijsselbloem, lista riforme lontano dall'essere completa

(AGI) - Amsterdam, 9 mar. - La lista di sette riformeconsegnata dal governo di Atene venerdi' scorso costituisce unaproposta "seria" ma e' "lontana dall'essere completa". Lo hadichiarato ai margini di un convegno il presidentedell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem. L'estensione di quattro mesi del programma di aiuti allaGrecia e' condizionata al via libera dei ministri delle FinanzeUe alle riforme proposte da Atene. La riunione dell'Eurogrupposulla Grecia che si terra' oggi a Bruxelles, lascia intendereDijsselbloem, rischia di essere ancora una voltainterlocutoria. "Queste sono solo le prime, non saranno assolutamenteaccettate in cambio di quel 30%

(AGI) - Amsterdam, 9 mar. - La lista di sette riformeconsegnata dal governo di Atene venerdi' scorso costituisce unaproposta "seria" ma e' "lontana dall'essere completa". Lo hadichiarato ai margini di un convegno il presidentedell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem. L'estensione di quattro mesi del programma di aiuti allaGrecia e' condizionata al via libera dei ministri delle FinanzeUe alle riforme proposte da Atene. La riunione dell'Eurogrupposulla Grecia che si terra' oggi a Bruxelles, lascia intendereDijsselbloem, rischia di essere ancora una voltainterlocutoria. "Queste sono solo le prime, non saranno assolutamenteaccettate in cambio di quel 30% di provvedimenti che voglionorimpiazzare", ha affermato Dijsselbloem riferendosi alle misuredi austerita', previste dall'accordo tra la troika di creditoriinternazionali (Ue, Bce e Fmi) e il precedente governoellenico, che il governo Tsipras vuole lasciarsi alle spalle."Lo sanno anche i greci e, a tale proposito, non pretendono chequesto sia tutto". Nella lettera spedita a Dijsselbloemvenerdi' scorso, Yanis Varoufakis, ministro delle Finanzegreco, specificava in effetti che le riforme proposte eranosolo una base sul quale avviare i colloqui tecnici conl'obiettivo di arrivare a un piano esaustivo entro fine aprile. Nel caso di un primo via libera, Atene potrebbe averaccesso agli 1,8 miliardi di euro restanti del prestitoprevisto dal piano di aiuti preesistente. Tale cifra e'grossomodo equivalente al rimborso dovuto al Fondo MonetarioInternazionale questo mese, del quale sono stati saldati almoment solo 310 milioni. (AGI) .