Gli imprenditori bocciano il Jobs Act, "non incrementa l'occupazione"

(AGI) - Roma- Il Jobs Act ha incrementato il lavoro atempo indeterminato ma nella gran parte dei casi si tratta di 

(AGI) - Roma, 27 giu. - Il Jobs Act ha incrementato il lavoro atempo indeterminato ma nella gran parte dei casi si tratta distabilizzazione di contratti precari e non di un incrementodell'occupazione.

Il dato emerge dal sondaggio "Il Jobs Act a 4mesi dall'entrata in vigore" della Fondazione Studi deiConsulenti del lavoro realizzato in occasione della sestaedizione del Festival del lavoro secondo cui solo il 40% degliintervistati pensa che il Jobs Act abbia ricaduteeconomicamente e socialmente significative sul proprioterritorio. E alla richiesta di assegnare un voto il risultatoe' un risicato 5.

Oltre il 70% del campione ritiene che non siano aumentatele assunzioni ma si tratti di trasformazone di contratti gia'in essere. Appena il 10% dei datori di lavoro si ritienepienamente soddisfatto dei contenuti del Jobs Act, tanto dadefinirlo uno strumento essenziale per lo sviluppodell'impresa. Un terzo afferma invece che avrebbe preferitoun'altra tipologia di intervento o addirittura lo trovainutile.

La preoccupazione maggiore degli intervistati riguarda cosaaccadra' alla scadenza degli incentivi previsti dalla legge distabilita' 2015 e che consente ai datori di lavoro di nonpagare i contributi Inps per tre anni fino a poco piu' di 8mila euro. Il 71% del campione ritiene che alla fine delperiodo si tornera' ai livelli, anche perche' ben il 73% degliintervistati non vede alcun segnale di ripresa economica.

Il 29% del campione stima invece che nel prossimo futuropotranno aumentare le assunzioni, ma, nella quasi totalita',chi ha una percezione positiva del futuro (miglioramentoeconomico generale e quindi aumento dell'occupazione)appartiene alle aree del centro-Nord. Il 75% del campioneinfine non ha notato particolari cambiamenti nello svolgimentodelle proprie attivita' professionali dal momento dell'entratain vigore del provvedimento. (AGI).



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it