Fisco: Mef, entrate nei primi otto mesi +1, 5%

(AGI) - Roma, 15 ott. - Le entrate tributarie e contributivedel periodo gennaio-agosto 2015 evidenziano nel complesso unaumento dell'1,5 % (+6.200 milioni di euro) rispettoall'analogo periodo dell'anno precedente. Lo comunica ilministero dell'Economia sottolineando che il dato tiene contodell'aumento del +1,6% (+ 4.625 milioni di euro) delle entratetributarie e della crescita delle entrate contributive del+1,1% (+1.575 milioni di euro). L'importo delle entratetributarie include anche i principali tributi degli entiterritoriali e le poste correttive, quindi integra quello gia'diffuso con la nota del 5 ottobre scorso. Le entrate tributarie nel periodo gennaio-agosto 2015

(AGI) - Roma, 15 ott. - Le entrate tributarie e contributivedel periodo gennaio-agosto 2015 evidenziano nel complesso unaumento dell'1,5 % (+6.200 milioni di euro) rispettoall'analogo periodo dell'anno precedente. Lo comunica ilministero dell'Economia sottolineando che il dato tiene contodell'aumento del +1,6% (+ 4.625 milioni di euro) delle entratetributarie e della crescita delle entrate contributive del+1,1% (+1.575 milioni di euro). L'importo delle entratetributarie include anche i principali tributi degli entiterritoriali e le poste correttive, quindi integra quello gia'diffuso con la nota del 5 ottobre scorso. Le entrate tributarie nel periodo gennaio-agosto 2015evidenziano una crescita rispetto allo stesso periodo delloscorso anno (+4.625 milioni di euro, +1,6 per cento). Inaumento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente leimposte contabilizzate al bilancio dello Stato (+5.880 milionidi euro, +2,2 per cento), le entrate degli enti territoriali(+1.966 milioni di euro, +5,8 per cento) e le poste correttiveche nettizzano il bilancio dello Stato (3.204 milioni di euro,14,4 per cento). Sostanzialmente stabile il gettito dei ruoliincassati (-17 milioni di euro, -0,3 per cento). Nei primi otto mesi le entrate tributarie erarialiaccertate in base al criterio della competenza giuridicaammontano a 272.253 milioni di euro (+5.880 milioni di euro,+2,2 per cento), in aumento rispetto allo stesso periododell'anno precedente. In particolare risultano pari a 148.438milioni di euro (+5.222 milioni di euro, +3,6 per cento) leimposte dirette e a 123.815 milioni di euro (+658 milioni dieuro, +0,5 per cento) le imposte indirette. La crescita delleentrate tributarie, registrata nei primi otto mesi del 2015rispetto all'analogo periodo dello scorso anno, "compensaampiamente il venir meno del gettito dell'imposta sostitutivasui maggiori valori delle quote di partecipazione al capitaledella Banca d'Italia, pari a 1.692 milioni di euro, edell'imposta sostitutiva sulla rivalutazione dei beni d'impresae delle partecipazioni, pari a 236 milioni di euro, i cuiversamenti erano stati previsti per il solo anno 2014. Positivo il gettito dell'Irpef (+3,8%, pari a +4.103milioni di euro), influenzato principalmente dal buon andamentodelle ritenute lavoro dipendente (+3.456 milioni di euro) cherisentono degli effetti derivanti dall'applicazione delledisposizioni del D.lgs 175/2014 relativi al meccanismo deirimborsi da assistenza fiscale (semplificazione fiscale edichiarazione dei redditi precompilata). Le ritenute sui redditi di lavoro dipendente risentonoinoltre dei minori versamenti effettuati dai sostitutid'imposta (circa 1.500 milioni di euro) dovuti alriconoscimento del bonus di 80 euro. Continua la crescitadell'imposta sostitutiva sulle plusvalenze (+792 milioni dieuro, +68,8 per cento) e dell'imposta sostitutiva sui fondipensione (+532 milioni di euro, +92,7 per cento). Positiveanche l'imposta sostitutiva su ritenute, interessi e altriredditi di capitale (+1.493 milioni di euro, +23,2 per cento).Registra una crescita anche l'Ires (+356 milioni di euro, paria +2,3%) dovuta ai maggiori versamenti in autoliquidazione. Tra le imposte indirette, l'Iva risulta in aumento rispettoallo stesso periodo del 2014 (+2.166 milioni di euro, pari a+3.1 per cento). In flessione l'accisa sui prodotti energetici,loro derivati e prodotti analoghi (oli minerali) (-0,4 percento) e l'accisa sul gas naturale per combustione (gas metano)(-39,1 per cento). (AGI).