Tonfo di Facebook a Wall Street dopo i conti trimestrali

Tonfo di Facebook a Wall Street dopo i conti trimestrali

Il titolo del social network perde il 7%. Il direttore finanziario prevede un rallentamento dei ricavi

facebook crolla in borsa

 Mark Zuckerberg

I conti dell'ultima trimestrale hanno penalizzato le azioni di Facebook che a Wall Street perde il 7% bruciando 50 miliardi di dollari di capitalizzazione. Per gli analisti, i risultati del IV trimestre - utile a 7,3 mld di dollari, ricavi +25% - sono stati più deboli rispetto alle aspettative. Ma quello che più pesa è la preoccupazione degli investitori per i continui investimenti della società fatti per proteggere la privacy e impedire che la rete venga utilizzata come piattaforma per l'odio, l'abuso e la disinformazione.

Tra l'altro, il direttore finanziario David Wehner ha dichiarato agli analisti che la società prevede un rallentamento della crescita delle entrate, in parte a causa delle normative e di "altri venti contrari correlati alla pubblicità".

Le recenti normative sulla privacy dei dati in Europa e California, nonché i miglioramenti del browser o del software del sistema operativo di Google e Apple, insieme agli strumenti aggiunti da Facebook stesso, dovrebbero limitare la capacità del social network di utilizzare dati sensibili.