Esselunga, nel pomeriggio l'apertura del testamento

Un impero da 7 miliardi e 22mila dipendenti

Esselunga, nel pomeriggio l'apertura del testamento
Esselunga

Milano - Sarà aperto nel pomeriggio il testamento di Bernardo Caprotti, l'imprenditore lombardo morto venerdi' scorso e che avrebbe compiuto 91 anni il 7 ottobre. Sarà "aperto contestualmente", non verrà cioè consegnato ai familiari "scorporato" in modo che abbiano visione delle sole parti che li riguardano. E' quanto apprende l'Agi da fonti vicine alla vicenda. Le ultime volontà di Caprotti verranno comunicate agli eredi dal notaio Carlo Marchetti nel suo studio, confermando dunque - come anticipato all'Agi da uno studio legale che ha assistito Giuseppe e Violetta nei lunghi anni di lite giudiziaria con il padre - il mancato ricorso al metodo 'americano', la procedura in base alla quale ognuno degli eredi assiste all'apertura del testamento in un proprio legale di fiducia, evitando così di ritrovarsi tutti insieme davanti al notaio che legge le ultime disposizioni del defunto. Non è detto però che gli eredi assistano tutti insieme alla lettura.

Gli occhi sono puntati sul 25% dei beni nella piena disponibilità di Caprotti, considerato che il diritto ereditario prevede che alla vedova (Giovanna) vada il 25% del patrimonio e il restante 50% venga suddiviso tra i figli, con una quota quindi pari al 16,7% circa per ciascuno: Giuseppe e Violetta, i figli di primo letto, e Marina, avuta con Giovanna. Nel caso in cui il 25% delle quote del gruppo di cui Caprotti poteva disporre liberamente andasse all'asse Giovanna-Marina, che dovrebbe già entrare di diritto in possesso rispettivamente del 25 e del 16,7 per cento, la vedova di Caprotti e la loro figlia dovrebbero dunque poter contare sulla maggioranza assoluta.

Quanto vale Esselunga, un impero da 7 miliardi e 22mila dipendenti

Il cuore dell'eredità consiste nell'impero Esselunga, valutato nel complesso quasi sei miliardi di euro. Controllata dalla holding Supermakets Italiani, il gruppo fondato da Caprotti nel 1957 detiene adesso il 9% circa delle vendite di supermercati e ipermercati italiani. Dal primo 'negozio' fondato in viale Regina a Milano, Esselunga e' arrivata a detenere 152 punti vendita dislocati soprattutto nel nord e nel centro Italia (Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, fino al recente sbarco nel Lazio). Con quasi 22mila dipendenti, la società ha archiviato il 2015 con un fatturato di oltre 7 miliardi di euro. (AGI)