Equitalia-record nel 2016, ha riscosso 8,7 miliardi

L'a.d. Ruffini: "effetto delle riforme degli ultimi tre anni"

Equitalia-record nel 2016, ha riscosso 8,7 miliardi
  Equitalia

Dopo aver superato, due anni fa, quota 8 miliardi di euro, Equitalia nel 2016 fa segnare un risultato storico per la riscossione con oltre 8,7 miliardi e un incremento del 6,17% rispetto al 2015. Sono questi i numeri, resi noti da Equitalia SpA, relativi alla riscossione dello scorso anno.

Il 2016 del record

Un anno record per la mission della società pubblica che fa registrare saldi molto positivi sia al Centro Nord che nelle regioni del Centro Sud e un aumento complessivo di 509 milioni di euro rispetto al 2015, che diventano 1,3 miliardi sul 2014. Dal 2010, sottolinea una nota di Equitalia, è il risultato più consistente per la società guidata da giugno 2015 da Ernesto Maria Ruffini. Numeri su cui ha inciso la riforma messa in campo lo scorso anno che ha portato da tre ad una sola società di riscossione, ad un nuovo rapporto con i contribuenti e la digitalizzazione dei servizi, oltre a una maggiore produttività delle strutture della società.

Il traino del Centro-Nord

A trainare il saldo positivo ancora una volta è il Centro-Nord (dalla Toscana alla Valle d'Aosta) che fa segnare oltre 4,8 miliardi di euro, mentre nelle regioni del Centro-Sud (Umbria e Lazio comprese) la riscossione sfiora i 3,9 miliardi di euro. Numeri importanti e molto positivi anche per i due azionisti di riferimento, Agenzia delle entrate e Inps, e per i 6.700 enti creditori, erariali, enti locali, albi professionali, istituti di previdenza per i quali Equitalia opera. Nel dettaglio, a beneficiare del risultato di Equitalia è innanzitutto l'Agenzia delle entrate per la quale sono stati riscossi 4,66 miliardi di euro, 414,6 milioni di euro in più rispetto al 2015 (+ 9,75%).

Per l'Inps quasi 2,5 miliardi

Molto positivo anche il saldo della riscossione di Equitalia per conto di Inps che nel 2016 sfiora i 2,5 miliardi (+5,5%), 124 milioni di euro in più rispetto al 2015. In leggera flessione il dato relativo ai Comuni, per i quali sono stati riscossi nel 2016 530 milioni di euro, 20 in meno rispetto al 2015. Positivo il saldo per l'Inail, 117 milioni nel 2016 (+4,7%) così come fa segnare un incremento di 20 milioni di euro la riscossione nel 2016 per altri Enti (Regioni, casse previdenza e Camere di commercio). In calo di 34,6 milioni (-8,6%) il dato relativo agli altri Enti statali (ministeri, prefetture, altre agenzie). Al primo posto tra le regioni (la Sicilia opera con una Società propria), è la Lombardia, con 1,84 miliardi di euro (+0,2%) seguita da Lazio, 1,28 miliardi di euro (+8,8%) e Campania con 875 milioni di euro e un incremento sul 2015 pari al 5,6 per cento.

"Effetto delle riforme"

I risultati record nelle riscossioni fatti registrare da Equitalia nel 2016 "confermano che le riforme messe in atto dal governo in questi tre anni, l'impegno alla lotta all'evasione e al recupero delle risorse con nuovi strumenti, così come i nostri progetti per costruire un nuovo rapporto coi cittadini grazie anche all'impegno e alla professionalità dei dipendenti di Equitalia, vanno nella giusta direzione": lo ha sottolineato in una nota l'amministratore delegato, Ernesto Maria Ruffini. "Anche se", ha concluso Ruffini - possiamo e dobbiamo migliorare".