Eni: con il magazine online Eniday racconti su energia e ricerca

(AGI) - Milano, 5 ott. - Le innovazioni nel campo della lottaalle emissioni di CO2, la ricerca sull'energia estratta dallealghe. Ma anche le storie personali, come quelle di due giovanidonne, dipendenti di Eni, che lavorano con altri 188 colleghisu una piattaforma in Angola. E i reportage nei laboratori diEni, un viaggio alla scoperta dei segreti del Cane a sei zampe.Tutto questo trova spazio in Eniday, il nuovo magazine online(eniday.com), in inglese e italiano, dedicato al racconto dellenuove frontiere dell'energia e dell'innovazione tecnologicaapplicata allo sviluppo sostenibile, presentato in Triennalequesto pomeriggio, durante

(AGI) - Milano, 5 ott. - Le innovazioni nel campo della lottaalle emissioni di CO2, la ricerca sull'energia estratta dallealghe. Ma anche le storie personali, come quelle di due giovanidonne, dipendenti di Eni, che lavorano con altri 188 colleghisu una piattaforma in Angola. E i reportage nei laboratori diEni, un viaggio alla scoperta dei segreti del Cane a sei zampe.Tutto questo trova spazio in Eniday, il nuovo magazine online(eniday.com), in inglese e italiano, dedicato al racconto dellenuove frontiere dell'energia e dell'innovazione tecnologicaapplicata allo sviluppo sostenibile, presentato in Triennalequesto pomeriggio, durante un dibattito, dal titolo "Lacomunicazione e' una bella storia", moderato da Marco Bardazzi,direttore comunicazione esterna Eni, insieme a Gianni Riotta,giornalista e scrittore, David Bowen, fondatore e seniorconsultant di Bowen Craggs & Co. e Shane Snow, giornalista,autore e fondatore di Contently. Il nuovo magazine va adarricchire la galassia digitale di Eni e la arricchisce dicontenuti che verranno distribuiti su tutte le piattaforme delgruppo. Questa novita' rappresenta un ulteriore modo perparlare a una community e creare un dibattito. Enidayrappresenta l'opportunita' per Eni di raccontarsi in primapersona, sfruttando anche i mezzi e le opportunita' che ildigitale offre. L'obiettivo e' fare contenuti di grandequalita' e farli girare attraverso i social network. "Si passada una comunicazione broadcast - come ha spiegato Bardazzi - auna comunicazione piu' condivisa. Si passa alle sei 'c'. Ecioe': contenuti originali; condivisione; contaminazione tra lepersone che hanno a che fare con questa narrativa; creativita';la comunita' a cui rivolgersi; la conversazione con tutticoloro che hanno a che fare con la vita dell'azienda". Enidayvuole raccontare l'energia in modo innovativo, con lacreativita' e gli strumenti digitali di un network di talentiinternazionali. Da qui la collaborazione con Contently e i suoi45 mila free lance nel mondo. Gli autori sono giornalisti,fotografi, videomakers, esperti di infografica e big data. Sonoesperti di tecnologie applicate al mondo dell'energia e dellosviluppo sostenibile. Il fondatore di questa nuova realta',Snow ha parlato dell'importanza dello storytelling, di questonuovo modo di comunicare. "Raccontare delle belle storie facadere le barriere e ci avvicina alle persone" ha spiegato.L'interesse per le storie e' molto aumentato, bisogna pero'fare attenzione che siano "sincere e credibili". Un punto,quest'ultimo condiviso da Gianni Riotta, secondo cui latrasparenza e' fondamentale. "Quello che e' accaduto allaVolkswagen" per esempio, e' anche dovuto al fatto che "non hacapito il punto principale della comunicazione del ventesimosecolo, e cioe' che non e' possibile avere zone d'ombra. Non sipuo' sperare mai di cavarsela per il rotto della cuffia.Perche' siamo tutti sotto i riflettori, serve trasparenza".Proprio per questo possono essere utili i 'corporate website',di cui ha parlato David Bowen, che se ben gestiti sono utili"strumenti per un'azienda per parlare al mondo". .