Eni: rafforza presenza nell'offshore del Messico

Ottenuti i diritti per il Blocco 24 nelle acque profonde del bacino della Cuenca Salina

Eni: rafforza presenza nell'offshore del Messico
Foto: MARCO BERTORELLO / AFP 
 Eni

Eni, insieme al partner Qatar Petroleum, ha ottenuto i diritti per il Blocco 24 nelle acque profonde del bacino della Cuenca Salina, in Messico. Eni saraà operatore del blocco con il 65%, mentre Qatar Petroelum avrà il 35%.Il Blocco 24, vinto nell'ambito della quarta asta internazionale "Ronda 2" indetta dalla Commissione Nazionale per gli Idrocarburi (Cnh), permette ad Eni di consolidare una nuova area core con sinergie significative nel Paese.

Eni detiene in Messico il 100% dell'Area 1 nel bacino della Cuenca Salina, per il quale ha già sottomesso alle autorità locali il Piano di Sviluppo. Eni è inoltre operatore di altre tre licenze di esplorazione e produzione nello stesso bacino: Blocco 7 (Eni 45%), Blocco 10 (Eni 100%) e Blocco 14 (Eni 60%). Eni è presente in Messico dal 2006 e ha creato la sua controllata al 100% Eni Mexico S. de R.L. de C.V. nel 2015.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it