Così il governo vuole chiudere l'Ufficio Complicazione Affari Semplici

Il Mise ha aperto una casella email per segnalare le procedute troppo farraginose. E i primi messaggi non si sono fatti attendere

Così il governo vuole chiudere l'Ufficio Complicazione Affari Semplici
AGF 
 Burocrazia, faldoni, documenti

Gli italiani possono contare su un nuovo alleato nella loro indefessa lotta contro l''Ufficio Complicazioni Affari Semplici'. E' una una casella email tramite la quale cittadini e imprese possono segnalare procedure burocratiche di competenza del Mise troppo farraginose. L'iniziativa è stata varata giovedì dal ministero dello Sviluppo economico e lo scopo è quello di semplificare le procedure nell’interesse delle aziende, ma anche di persone costrette ad attendere, dal loro punto di vista, troppi passaggi prima di ottenere quanto richiesto.

Così il governo vuole chiudere l'Ufficio Complicazione Affari Semplici
 Carlo Calenda

E' grazie alla collaborazione attiva di cittadini e imprese che il Ministero punta ad avere un quadro preciso di quelle pastoie che, "nonostante l’azione di semplificazione e digitalizzazione operata in questi anni grazie a numerose riforme, ancora permangono come freno allo sviluppo economico e aggravio della vita quotidiana".

L'iniziativa è stata annunciata dal ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, con un tweet:

Cosa succederà

Secondo quanto si legge sul sito internet, il Ministero "procederà nelle prossime settimane ad analizzare le segnalazioni pervenute per poi dare corso ad una rapida e incisiva azione di semplificazione e digitalizzazione". Il fine ultimo è di velocizzare e rendere più trasparente il sistema delle autorizzazioni, sempre nel rispetto degli standard di sicurezza e qualità, mettendo cittadini e imprese al centro dell’azione della PA. Anche così si garantisce la competitività del sistema produttivo e si rafforza la fiducia nelle istituzioni.

Così il governo vuole chiudere l'Ufficio Complicazione Affari Semplici
 AGF
  Burocrazia, faldoni, documenti


Le prime richieste

La casella adempimentiinutili@mise.gov.it  è già attiva. Ecco alcuni dettagli sui primi messaggi arrivati:

  • Vengono da aziende e cittadini, in egual numero
  • Riguardano soprattutto la complessità delle procedure e meno i loro costi 
  • La proposta più frequenta è quella di una maggiore digitalizzazione delle procedure e dello scambio di dati nella Pubblica amministrazione
  • Tra i primi temi segnalati ci sono quelli degli adempimenti con gli enti locali a carico delle imprese, dell’energia, delle startup.

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it