Elon Musk potrà scrivere tweet su Tesla solo se autorizzato dall'avvocato

L'imprenditore in passato era finito nei guai per l'utilizzo troppo disinvolto del social network

elon musk twitter
 (Afp)
 Elon Musk

Il patron della Tesla, Elon Musk, ha raggiunto un accordo con la Sec (Securities and Exchange Commission), la Consob americana, per porre fine al contenzioso sull'utilizzo di Twitter. L'intesa, in base ai documenti depositati in tribunale, prevede che Musk dovrà in futuro ottenere il 'via libera' del legale della Tesla prima di fare dichiarazioni pubbliche, tweet compresi, sulle finanze dell'azienda o su informazioni relative ai suoi piani e progetti.

Se il giudice accoglierà l'accordo patteggiato, Musk non correrà più il rischio di essere ritenuto responsabile di aver violato una precedente intesa con la Sec. L'accordo segna una tregua nella lunga battaglia tra Musk e la Sec, battaglia innescata dall'uso disinvolto di Twitter da parte del miliardario. La querelle era cominciata nell'agosto 2018, quando Musk aveva annunciato su Twitter che stava pensando di togliere Tesla dalla Borsa e aveva già trovato un finanziamento per acquistare le azioni a 420 dollari ciascuna, una cifra molto superiore al prezzo di mercato.

Dopo qualche giorno, Musk aveva riconosciuto che non era vero e che non aveva il finanziamento per l'operazione; ma a quel punto vari investitori e la Sec lo avevano denunciato sostenendo che con i suoi 'cinguettii' aveva gonfiato artificialmente le azioni dell'azienda, di cui lui beneficia direttamente, considerato che è il massimo investitore in Tesla. Lo scorso ottobre, la Commissione lo ha punito con 20 milioni di dollari di multa (più altri 20 per Tesla) e Musk ha anche dovuto lasciare la poltrona di presidente (ma non quella di Ceo).

La cifra è stata sborsata e il consiglio di amministrazione ridisegnato, ma le esternazioni social sono continuate. Il 20 febbraio con un 'tweet' Musk ha affermato che la società avrebbe prodotto "500.000 vetture nel 2019", ma poi si è corretto chiarendo che si trattava del "ritmo annualizzato". Tradotto: a fine 2019, Tesla produrrà 10.000 vetture a settimana; cioè circa 500.000 l'anno se riuscisse a mantenere lo stesso ritmo per 12 mesi. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it