Disoccupazione in calo all'11,5%. Renzi "bene Jobs Act"

I giovani senza lavoro restano però stabili: 36,9%. 

Disoccupazione in calo all'11,5%. Renzi "bene Jobs Act"
ufficio lavoro donna uomo (agf) 

Roma - Dati sul lavoro positivi per l'Italia: a maggio il tasso di disoccupazione scende all'11,5%. Aumentano anche gli occupati: 299.000 posti di lavoro in piu' in un anno, mentre la crescita frena sul mese (+21.000). Soddisfatto il premier Matteo Renzi. "Con i dati Istat di oggi siamo a 497mila posti di lavoro in piu' da febbraio 2014. Il jobsact sta creato lavoro stabile #avantitutta", scrive su Twitter il presidente del Consiglio. Anche il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, parla di dati "positivi che confermano una tendenza di crescita dell'occupazione. I dati di maggio, dopo quelli di marzo e aprile, confermano quindi il miglioramento della situazione dell'occupazione ed anche una maggiore fiducia per le prospettive del mercato del lavoro". Tornando ai numeri il tasso di disoccupazione a maggio e' pari all'11,5%, in calo di 0,1 punti percentuali su aprile e di 0,7 punti percentuali rispetto a maggio 2015. Dopo l'aumento di aprile (+1,5%) la stima dei disoccupati a maggio cala dello 0,8% (-24 mila). Il calo interessa sia gli uomini (-1,0%) sia le donne (-0,6%). Dopo l'aumento registrato nei due mesi precedenti (+0,3% a marzo e ad aprile), spiega l'Istat, la stima degli occupati a maggio sale ancora, seppure in modo lieve (+0,1%, pari a +21 mila persone occupate).

La crescita dell'occupazione e' attribuibile alla componente femminile e riguarda i dipendenti (+11 mila i permanenti, +37 mila quelli a termine) mentre calano gli indipendenti (-28 mila). Nel trimestre marzo-maggio l'aumento degli occupati (+0,4%, pari a +101 mila) e' associato ad un calo dei disoccupati (-1,1%, pari a -32 mila) e degli inattivi (-0,9%, pari a -121 mila). Su base annua si conferma la tendenza all'aumento del numero di occupati (+1,3%, pari a +299 mila). La crescita tendenziale e' interamente attribuibile ai dipendenti, sia permanenti (+1,7%, pari a +248 mila) sia a termine (+3,5%, pari a +81 mila), mentre sono in calo gli indipendenti. Nello stesso periodo calano i disoccupati (-5,6%, pari a -175 mila) e gli inattivi (-2,2%, pari a -305 mila). Sempre nel mese di maggio il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioe' la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), e' pari al 36,9%, invariato rispetto al mese precedente. La flessione rispetto a maggio del 2015 e' pari a 4,3 punti percentuali. Intanto oggi il Centro Studi Confindustria ha tagliato le stime di crescita del Pil italiano per il 2016 e il 2017, anche a causa dell'impatto della Brexit. Secondo le nuove previsioni, la crescita sara' dello 0,8% nel 2016 e dello 0,6% nel 2017, contro il +1,4% e il +1,3% rispettivamente stimati a dicembre. Il Csc sostiene che gli effetti della Brexit si sentiranno nel rallentamento della domanda globale, che causa una crescita piu' lenta dell'export, l'aumento dell'incertezza tra imprese e consumatori e la caduta del prezzo delle azioni. Confindustria stima per l'anno in corso una crescita dello 0,7% dell'occupazione, un aumento dell'1,2% dei consumi e dell'1,9% degli investimenti. (AGI)