La strategia di Delta all'interno della nuova Alitalia

Gli interessi del colosso americano nel consorzio della compagnia italiana ricalca una strategia già adottata in altri casi in giro per il mondo

delta strategia alitalia
NICOLAS ECONOMOU / NURPHOTO
Delta airlines

Entrare con quote di minoranza nelle compagnie con cui si stringono joint venture non per comandare ma per dividere ricavi e costi, fare sinergie, accordi commerciali, ottimizzare le risorse. Questa la strategia del colosso dei cieli americano Delta che le ha permesso di diventare tra le maggiori compagnie mondiali e che pochi giorni fa ha chiuso il secondo trimestre con un utile di 1,44 miliardi di dollari, in crescita del 39%.

Delta prenderà parte al consorzio insieme a Fs, Mef e Atlantia nel rilancio di Alitalia. Analizzando la strategia che ha adottato finora a livello globale si nota che c'è coerenza e un modus operandi sempre uguale. Coniugare una partnership di tipo industriale a una partecipazione di minoranza nelle compagnie con cui si stringe l'alleanza, con una presenza nel Cda. (

È il caso della trans-Atlantic con Air France-Klm e Alitalia a cui piu di recente si è aggiunta Virgin Atlantic di cui Delta ha acquistato il 49% e Air France-Klm il 31%. O la joint venture con la messicana Aeromexico di cui detiene il 49% per trarre i maggiori vantaggi dall'intenso traffico aereo che c'è tra Stati Uniti e Messico.

Caso simile è quello della partnership con la brasiliana Gol di cui Delta ha acquistato una partecipazione del 10%. C'è poi la partecipazione intorno al 4% in China Eastern con la quale ha rilevato il 20% di Air France (il 10% ciascuno). Si creano contratti stringenti, le compagnie restano separate ma tutto viene coordinato dai prezzi, alle salette lounge negli aeroporti, alle miglia che i clienti possono accumulare.

Società separate ma che agiscono sui mercati come se fossero fuse. Ci sono rigidi meccanismi di ripartizione degli utili. Per cui vengono a cadere le obiezioni secondo cui ad Alitalia non converrebbe l'alleanza con Delta per via della remuneratività delle rotte americane. Anzi, vale l'esatto contrario. Il problema di Alitalia finora è stato proprio quello di essere una compagnia troppo piccola. Vedremo se la presenza di Delta riuscirà farla volare anche a livello finanziario. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it