Crociere: Ashdown (Clia), piu' chiarezza su grandi navi a Venezia

(AGI) - Bruxelles, 27 nov. - "Limitare l'accesso in Laguna allenavi sotto le 96.000 tonnellate di stazza lorda e' un fattonegativo sia per le compagnie che per lo stesso porto diVenezia: al governo italiano chiediamo un percorso alternativoper le navi, in modo da poter continuare a portare i nostriospiti in una citta' meravigliosa in modo sicuro esostenibile". Lo afferma in un'intervista a 'The MediTelegraph'Robert Ashdown, segretario generale della Cruise LinesInternational Association (Clia), associazione che raggruppa lepiu' importanti compagnie da crociera al mondo. "A causa diquesta decisione stiamo sostenendo oneri finanziari

(AGI) - Bruxelles, 27 nov. - "Limitare l'accesso in Laguna allenavi sotto le 96.000 tonnellate di stazza lorda e' un fattonegativo sia per le compagnie che per lo stesso porto diVenezia: al governo italiano chiediamo un percorso alternativoper le navi, in modo da poter continuare a portare i nostriospiti in una citta' meravigliosa in modo sicuro esostenibile". Lo afferma in un'intervista a 'The MediTelegraph'Robert Ashdown, segretario generale della Cruise LinesInternational Association (Clia), associazione che raggruppa lepiu' importanti compagnie da crociera al mondo. "A causa diquesta decisione stiamo sostenendo oneri finanziarisignificativi, perche' limitare la dimensione delle navidirette a Venezia riduce l'impatto economico che il settore e'in grado di offrire. Comprendiamo le preoccupazioni di alcunicittadini di Venezia, ai quali ci sentiamo vicini. Ma in questomomento abbiamo bisogno di un'alternativa ai tradizionaliitinerari. Ne abbiamo bisogno noi, ma anche Venezia". (AGI).