Cda Rcs giudica "non congruo" rilancio Cairo

Cda Rcs giudica "non congruo" rilancio Cairo
RCS Mediagroup 

Roma - Il CdA di Rcs valuta non "congruo" il corrispettivo dell'OPS Incrementato di Cairo Communication per tutti i possessori di azioni Rcs. Le motivazioni sono espresse in una nota: "La mancanza di proiezioni economico-finanziarie relative 2016 in prossimita' della chiusura del primo semestre rende di difficile apprezzamento le proiezioni economico-finanziarie contenute nel Piano Cairo Communication per 2017 e 2018, peraltro superiori rispetto al consensus degli analisti". Seconda ragione: "I dati contenuti nel Business Plan di Cairo Communication 2017-2018 non consentono un'applicazione del modello DCF. Tali dati hanno consentito una stima del valore di Cairo Communication sulla base di multipli di mercato. Cio' ha permesso un'integrazione dei precedenti metodi di valutazione e il complesso delle metodologie utilizzate ha portato a un intervallo di congruita' compreso tra 0,19 e 0,23 che, ad avviso del Prof. Roberto Tasca, 'comporta una definizione di non congruita' anche per il rilancio del corrispettivo offerto da Cairo'". Terzo motivo: "Il rapporto di scambio implicito di 0,20 azioni Cairo per ogni azione Rcs e' superiore a quello previsto nel Corrispettivo dell'OPS Incrementato, pari a 0,16 azioni; tale rapporto non e' condivisibile in quanto i valori medi individuati sulla base del solo Piano Industriale Rcs esprimono un rapporto di scambio implicito superiore a 0,20 (valutazioni Esperto Indipendente e advisor)". Inoltre, dal punto di vista industriale, il Supplemento al Documento di Offerta non contiene elementi di novita' rispetto a quanto gia' riportato dal Documento di Offerta, quindi continuano a non rilevarsi novita' significative rispetto al Piano Industriale Rcs.

Ulteriori considerazioni riguardano"la prospettata fusione", circa la quale "si sottolinea l'orizzonte temporale molto ampio, la mancata prospettazione di un range di concambio indicativo e l'incertezza rispetto all'avvio della fusione e ai suoi termini e condizioni. L'esercizio della Delega all'aumento di capitale rimane nella esclusiva disponibilita' di Cairo Communication e, non essendo noto il prezzo delle eventuali nuove azioni, rende incerto il valore delle partecipazioni rivenienti. L'eventuale distribuzione di un dividendo straordinario - prosegue la nota - agli azionisti di Cairo Communication e' estranea al contesto delle offerte concorrenti in corso e non rappresenta alcuna modifica o miglioramento dei contenuti dell'OPS, ne' e' rivolta per i possessori di Azioni Rcs. Il prospettato dividendo potrebbe invece sostenere il valore delle azioni Cairo, migliorando il cambio implicito". Infine, "il voto maggiorato puo' rappresentare uno strumento di rafforzamento della posizione dei soci di controllo, peraltro, in assenza di un corrispondente investimento economico da parte dei soci di controllo". "Alla Data del Comunicato di Aggiornamento non risultano ancora pubblicamente disponibili - conclude il comunicato - la relazione illustrativa del consiglio di amministrazione di Cairo Communication relativa alla proposta di Nuovo Aumento di Capitale, la valutazione delle Azioni Rcs oggetto di conferimento in natura resa dal Prof. Andrea Amaduzzi in data 22 giugno 2016 ne' la relazione della societa' di revisione di Cairo Communication sulla congruita' del prezzo di emissione delle azioni Cairo Communication che verrebbero emesse in esecuzione del Nuovo Aumento di Capitale". (AGI)