Queste 15 categorie sono esentate dall'innalzamento dell'età per la pensione

 Per loro il governo propone il requisito dei 36 anni di contributi e quello di aver svolto lavori gravosi per 6 anni negli ultimi 7

Queste 15 categorie sono esentate dall'innalzamento dell'età per la pensione

Quindici categorie di lavoratori esentati dall'innalzamento automatico dell'età pensionabile in relazione alle aspettative di vita. E' la proposta formulata dal governo ai sindacati, nel tavolo tecnico da poco terminato a palazzo Chigi.

Alle 11 categorie di lavoratori che svolgono lavori gravosi previsti dall'Ape sociale verrebbero aggiunti i lavoratori marittimi, i pescatori, gli operai agricoli e quelli siderurgici (di seconda fusione). La platea stimata dall'esecutivo è pari al 10% di quanti andrebbero in pensione nel 2019, cioè 15-20 mila persone.

Il governo ha spiegato che intende mantenere per i lavoratori delle 15 categorie individuate il requisito dei 36 anni di contributi e quello di aver svolto lavori gravosi per 6 anni negli ultimi 7.

Le categorie di lavori gravosi previste per accedere all'Ape sociale sono:

  • operai dell'industria estrattiva 
  • dell'edilizia e della manutenzione degli edifici
  • conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni 
  • conciatori di pelli e pellicce
  • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante
  • conduttori di mezzi pesanti e camion
  • personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni
  • addetti all'assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza
  • insegnanti della scuola dell'infanzia ed educatori degli asili nido
  • facchini e addetti allo spostamento merci
  • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia, operatori ecologici e altri raccoglitori e separatori di rifiuti
  • operai agricoli
  • marittimi 
  • pescatori
  • operai siderurgici di seconda fusione. 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it