Borse in rally dopo paura su Russia e petrolio, Milano +3,27%

(AGI - Roma - Le borse europee rimbalzano e chiudonoin rally, dopo aver tremato per la crisi del rublo e per il  [...]

(AGI - Roma, 16 dic. - Le borse europee rimbalzano e chiudonoin rally, dopo aver tremato per la crisi del rublo e per ilnuovo calo del prezzo del petrolio. Nel finale i mercatisuperano le paure e si risvegliano, grazie al prezzo delpetrolio, che recupera rispetto ai minimi toccati in giornata(il Light crude torna positivo) e dopo che il rublo smette dicrollare, pur restando in forte discesa.

Anche Wall Streetavanza, dopo un avvio negativo. Londra sale del 2,28% a6.323,57 punti. Milano vola in rialzo del 3,27% a 18.670,05punti. Francoforte cresce del 2,39% a 9.557,09 punti e Parigiguadagna il 2,12% a 4.090,42 punti. Madrid cresce dell'1,15%.

La decisione della banca centralerussa di fermare la discesa del rublo con un mega-rialzo deitassi di interesse di 6,5 punti base si rivela inefficace. Lamoneta russa inizialmente sale del 9% ma poi tracolla e arrivaa perdere fino al 20% per assestarsi nel finale a -11%.


Dall'inizio dell'anno il rublo ha perso oltre il 50% suldollaro, un crollo che ricorda la crisi del 1998 e cherappresenta un colpo molto duro per il potere d'acquisto deirussi. Le riserve in valuta estera di Mosca sono nettamentemigliori che nel 1998 ma il paese e' ugualmente sull'orlo delcollasso. La stessa banca centrale riconosce che la "situazionee' critica".

Il rublo passa di mano a 72,44 (-11%) sul dollarodopo essere arrivato a quota 80 ed e' a 90,50 (-13%) sull'eurodopo essere salito a quota 100. Intanto il vice premier russo,Yuriy Trutnev, invita a vedere in positivo il crollo del rublo. "La mia impressione - dice - e' che stiamo leggendo male lamutata situazione sui mercati finanziari. Perche' questasituazione rappresenta un incentivo per accelerare lo sviluppodella Russia".

Le turbolenze finanziarie che fanno affondare ilrublo rafforzano l'avversione al rischio dei mercati e spingonoal rialzo l'euro e lo yen, a scapito del dollaro. La monetaeuropea chiude a 1,2510 dollari, dopo essere volata ai massimida tre settimane a 1,2570 dollari. Il cambio dollaro/yen scendea 116,75, dopo aver toccato un minimo da un mese a 115,56.

L'euro/yen si attesta a 146,01, dopo un minimo a 144,92. Beneil franco svizzero che sale fino a 1,2002 sull'euro. Le borseeuropee rimbalzano e chiudono in rally, dopo aver tremato perla crisi del rublo e per il nuovo calo del prezzo del petrolio.
Nel finale i mercati superano le paure e si risvegliano, grazieal prezzo del petrolio, che recupera rispetto ai minimi toccatiin giornata (il Light crude torna positivo) e dopo che il rublosmette di crollare, pur restando in forte discesa.  (AGI)