Boccia sprona i politici: "Servono scelte coraggiose, no a facili promesse"

L'intervento del presidente di Confindustria all'assemblea 2019

boccia politici
 (Agf)
 Vincenzo Boccia

L'Italia per avere una crescita duratura deve "agire", "non rincorrere facili promesse e recuperare il senso dell'impegno e del sacrificio": lo afferma il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, nel suo intervento all'assemblea 2019. Servono decisioni "coraggiose": "siamo mossi dalla visione di un Paese migliore, da costruire con il coraggio delle scelte di oggi", spiega. E "dalla consapevolezza che possiamo farcela anche grazie ai tanti punti di forza di un'industria larga : manifatturiera, delle costruzioni, dei servizi, della cultura e del turismo".

In parole povere: più lavoro, meno debito, più crescita e un piano shock per le grandi infrastrutture e le piccole opere “destinate a mettere in sicurezza suolo, ponti, scuole e ammodernare strade”.

Più crescita e meno debito sono "precondizioni per raggiungere più lavoro, a partire dai giovani, la vera priorità nazionale europea". 

Serve infatti ­“un grande piano di inclusione dei giovani che offra loro la possibilità di crescita professionale adeguata alla competenze".

Infine è necessario “ridurre il carico fiscale a vantaggio dei lavoratori per aumentare i salari, migliorare il potere d'acquisto e stimolare per questa via la domanda interna oggi particolarmente depressa".



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.