Popolari: Fitch, consolidamento slitta a seconda meta' 2016

(AGI) - Milano, 13 ott. - La trasformazione di Ubi banca in sparestera' verosimilmente "un caso isolato quest'anno" e"l'atteso e necessario consolidamento" tra le banche popolari"sara' rimandato almeno fino alla seconda meta' del 2016". E'quanto scrive Fitch in un report dedicato alle popolariitaliane, nel quale l'agenzia di rating afferma di nonaspettarsi altri cambi di statuto nel 2015. La strada, spiega Fitch, "potrebbe essere ancora lunga acausa di possibili resistenze nel management, dei fortiinteressi locali e delle differenze nella governance dellebanche interessate". Gli analisti dell'agenzia notano come gliistituti si stiano preparando

(AGI) - Milano, 13 ott. - La trasformazione di Ubi banca in sparestera' verosimilmente "un caso isolato quest'anno" e"l'atteso e necessario consolidamento" tra le banche popolari"sara' rimandato almeno fino alla seconda meta' del 2016". E'quanto scrive Fitch in un report dedicato alle popolariitaliane, nel quale l'agenzia di rating afferma di nonaspettarsi altri cambi di statuto nel 2015. La strada, spiega Fitch, "potrebbe essere ancora lunga acausa di possibili resistenze nel management, dei fortiinteressi locali e delle differenze nella governance dellebanche interessate". Gli analisti dell'agenzia notano come gliistituti si stiano preparando alla trasformazione con"velocita' differenti". Bpm prevede di arrivarci entro la primameta' del 2016; Banco Popolare, la Banca popolare dell'EmiliaRomagna e il Credito Valtellinese hanno indicato come obiettivol'ultimo trimestre del 2016. La Popolare di Vicenza lancera' unaumento di capitale fino a 1,5 miliardi entro il secondotrimestre del 2016 in concomitanza con la trasformazione in spae la quotazione in Borsa, mentre la Popolare di Sondrio -rileva Fitch - "e' rimasta in silenzio". Nel report si faquindi riferimento ai ricorsi al Tar presentati da alcuniazionisti di minoranza, che hanno rallentato un processo ditrasformazione che, per gli analisti, "e' positiva" dal momentoche le popolari nell'attuale forma societaria "sono piu'vulnerabili a interferenze interne ed esterne", con il votocapitario che "puo' ostacolare i processi decisionali". (AGI)