Allarme Censis, una famiglia su dieci non ha soldi per mangiare

(AGI) - Milano, 4 lug. - Sono 2,4 milioni le famiglie italianeche, nell'ultimo anno, non hanno avuto soldi sufficienti percomprare il cibo necessario. Sono un milione in piu' rispettoal 2007, vale a dire che l'incremento e' stato di quasi l'85%(84,8%) dall'inizio della crisi, e rappresentano il 9,2% deltotale delle famiglie del Paese. E' quanto emerge dalla ricercadel Censis 'Gli italiani e il cibo. Rapporto su un'eccellenzada condividere' realizzata per il Padiglione Italia di Expo2015. Puglia (16,1%), Campania (14,2%) e Sicilia (13,3%) sonole tre regioni che, secondo il Censis, hanno la quota

(AGI) - Milano, 4 lug. - Sono 2,4 milioni le famiglie italianeche, nell'ultimo anno, non hanno avuto soldi sufficienti percomprare il cibo necessario. Sono un milione in piu' rispettoal 2007, vale a dire che l'incremento e' stato di quasi l'85%(84,8%) dall'inizio della crisi, e rappresentano il 9,2% deltotale delle famiglie del Paese. E' quanto emerge dalla ricercadel Censis 'Gli italiani e il cibo. Rapporto su un'eccellenzada condividere' realizzata per il Padiglione Italia di Expo2015. Puglia (16,1%), Campania (14,2%) e Sicilia (13,3%) sonole tre regioni che, secondo il Censis, hanno la quotapercentuale piu' alta di famiglie che vivono in condizione didisagio alimentare. Tra le famiglie vittime della crisi, ce ne sono anche 830mila con figli minori. E le famiglie numerose sono anche quelleche hanno subito di piu' i tagli alla spesa alimentare negliultimi otto anni: la sforbiciata e' stata del 15,6% per lecoppie con due figli e del 18,2% per le coppie con tre o piu'figli. Se le spese alimentari degli italiani sono calate in mediadel 12,9% tra 2007 e 2014, le famiglie con capofamiglia operaiohanno registrato una riduzione della spesa alimentare del 17,3%mentre quelle di dirigenti e impiegati si sono limitate a untaglio del 9,7%. (AGI).