Ubi: spa dopo 8 anni da popolare, prima a trasformarsi

(AGI) - Milano, 10 ott. - Ubi banca e' la prima popolare chediventa spa per rispondere alla riforma voluta dal governoRenzi. In termini di dimensioni, con circa 120 miliardi di eurodi totale attivo, la banca lombarda e' seconda solo al BancoPopolare. - OTTO ANNI DA POPOLARE Ubi Banca (Unione di banche italiane) e' nata ufficialmente ilprimo aprile del 2007, dalla fusione per incorporazione dellabresciana Banca lombarda e piemontese (una spa) nellabergamasca Bpu (una storia centenaria da popolare). Dellaincorporante, Ubi mantenne sin dalla nascita il modellocooperativo. La fusione, studiata e approvata nell'autunno

(AGI) - Milano, 10 ott. - Ubi banca e' la prima popolare chediventa spa per rispondere alla riforma voluta dal governoRenzi. In termini di dimensioni, con circa 120 miliardi di eurodi totale attivo, la banca lombarda e' seconda solo al BancoPopolare. - OTTO ANNI DA POPOLARE Ubi Banca (Unione di banche italiane) e' nata ufficialmente ilprimo aprile del 2007, dalla fusione per incorporazione dellabresciana Banca lombarda e piemontese (una spa) nellabergamasca Bpu (una storia centenaria da popolare). Dellaincorporante, Ubi mantenne sin dalla nascita il modellocooperativo. La fusione, studiata e approvata nell'autunno del2006, diede vita a quella che allora era la quarta bancaitaliana per rete (1.970 sportelli) e la quinta per impieghi(80 miliardi) e raccolta (79 miliardi). A fine giugno 2015 ilgruppo Ubi banca contava 85 miliardi di crediti alla clientela,72 miliardi di euro di raccolta e circa 1.560 sportelli. - LA CORSA ALLA SPA E IL FUTURO Gia' in primavera i vertici di Ubi avevano chiaritol'intenzione di spingere sull'acceleratore e di convocare isoci per il cambio di statuto prima di fine anno, con unatabella di marcia da subito molto piu' spedita rispetto aquella delle altre popolari coinvolte dalla riforma. Dopol'esito positivo dell'asset quality review della Bce e allaluce della rivoluzione attesa nel mondo delle popolari, Ubi e'al centro delle indiscrezioni su un futuro consolidamento: daMps al Banco Popolare, passando per Bper e Bpm, sarebberodiversi i candidati alle 'nozze' con la banca di Bergamo eBrescia. Ubi al momento pero' e' tra le poche banche a nonavere scelto un advisor per valutare eventuali fusioni e hafinora respinto ogni voce. "Parliamo con tutti e pondereremo attentamente ognidecisione perche' vogliamo essere sicuri di creare valore per inostri azionisti", e' il mantra che ripete da mesi ilconsigliere delegato, Victor Massiah. I soci di Ubi sarannochiamati in primavera a rinnovare i consigli, per la primavolta senza il voto capitario. (AGI).