Turchia: oltre 56 mln alle urne, come funziona il voto

(AGI) - Istanbul, 6 giu. - La Turchia elegge i propri deputatie decide allo stesso tempo del proprio futuro perche' unavittoria di Erdogan spianerebbe la strada verso una forma dipresidenzialismo fortemente anelata dal presidente dellaRepubblica. Ecco, di seguito, le cifre e il funzionamento dellatornata elettorale turca:OLTRE 56 MILIONI AL VOTOA fronte di una popolazione di 77 milioni di abitanti saranno56.5 milioni a votare di cui 53.7 milioni in Turchia, 2,8all'estero. Questi ultimi hanno votato oggi, mentre i 174.000seggi delle 81 province paese rimarranno aperti dalle 8 alle 17locali di

(AGI) - Istanbul, 6 giu. - La Turchia elegge i propri deputatie decide allo stesso tempo del proprio futuro perche' unavittoria di Erdogan spianerebbe la strada verso una forma dipresidenzialismo fortemente anelata dal presidente dellaRepubblica. Ecco, di seguito, le cifre e il funzionamento dellatornata elettorale turca:OLTRE 56 MILIONI AL VOTOA fronte di una popolazione di 77 milioni di abitanti saranno56.5 milioni a votare di cui 53.7 milioni in Turchia, 2,8all'estero. Questi ultimi hanno votato oggi, mentre i 174.000seggi delle 81 province paese rimarranno aperti dalle 8 alle 17locali di domani (+1 su Roma) per un elezione a turno unico chevedra' i 550 seggi assegnati secondo il sistema proporzionale(Hondt).LA DIGA DEL 10%La particolarita' del sistema elettorale turco stanell'altissima percentuale richiesta per superare la soglia disbarramento, chiamata in turco "la diga" e' fissata al 10%, ildoppio di quanto richiesto in alcuni paesi UE. Dei 37 partitiregistrati in Turchia solo 4 riusciranno a piazzare i proprirappresentanti in Parlamento (il sistema e' monocamerale). Tale sistema ha permesso all'AKP di Erdogan nel 2007 diprendere il 62% dei seggi con il 46,5% dei voti. (AGI) Tuy/Tig (Segue)(Scheda) Turchia: oltre 56 mln alle urne, come funziona il voto(2)=(AGI) - Istanbul, 6 giu. - I SONDAGGIDa quando e' salito al potere per la prima volta, nel 2002, ilpartito di Erdogan ha progressivamente rafforzato la propriaposizione in passato (34,2% nel 2002, 46,5% nel 2007,49,9% nel2011), mentre nei sondaggi attuali e' dato tra il 40 ed il 45%.I Repubblicani kemalisti del Chp sono dati in crescita (25-28%)nonostante l'assenza di un leader carismatico. I nazionalistidel Mhp sperano di rubare voti alla base dell'AKP delusa dainegoziati intavolati 2 anni fa con i separatisti del PKK(Partito curdo dei lavoratori-listato come organizzazioneterroristica). L'ago della bilancia di queste elezioni e'costituito dal partito filo curdo dell'HDP, guidato da SelattinDemirtas. Per la prima volta l'HDP si presenta da solo conl'obiettivo di superare la "diga" di sbarramento che in Turchiae' fissata al 10%. E' questa l'eventualita' cui e' legato ilnumero dei parlamentari che il partito di Erdogan fara' sederenell'unica camera del Parlamento turco.L'INCOGNITA DEI FILO-CURDIGuidato dal giovane e brillante leader Selattin Demirtas,reduce da un insperato 9,7% alle presidenziali dello scorsoagosto ora spera di avere tra i 60 e i 70 Parlamentari che glisarebbero garantiti in base ai risultati dei sondaggi (12,6%).Il raggiungimento di tale percentuale e' legato ai votiprovenienti da liberali delusi dall'AKP e dal CHP, masoprattutto dai tanti curdi che avevano votato per Erdogannelle precedenti elezioni e delusi dall'insuccesso del processodi pace. (AGI).