Siria: Onu denuncia l'orrore, regime colpisce e tortura bambini

(AGI) - Londra, 28 mar. - Le autorita' siriane arrestano etorturano sistematicamente i bambini. E' la forte accusalanciata in un intervista alla Bbc da Navi Pillay, responsabiledell'alto Commissariato Onu per di Diritti Umani, che haespresso una fortissima preoccupazione per la sorte dicentinaia di bambini rinchiusi nei centri di di detenzione. "Alpresidente Bashar al-Assad - ha detto la Pillay - basterebbe unordine per porre fine ai massacri dei civili". "Abbiamo - haaggiunto - prove sufficienti per dimostrare che questi fattisono stati commessi dalle forze di sicurezza siriane, e chequeste devono aver

(AGI) - Londra, 28 mar. - Le autorita' siriane arrestano etorturano sistematicamente i bambini. E' la forte accusalanciata in un intervista alla Bbc da Navi Pillay, responsabiledell'alto Commissariato Onu per di Diritti Umani, che haespresso una fortissima preoccupazione per la sorte dicentinaia di bambini rinchiusi nei centri di di detenzione. "Alpresidente Bashar al-Assad - ha detto la Pillay - basterebbe unordine per porre fine ai massacri dei civili". "Abbiamo - haaggiunto - prove sufficienti per dimostrare che questi fattisono stati commessi dalle forze di sicurezza siriane, e chequeste devono aver avuto l'approvazione o la complicita' aipiu' alti livelli". Per L'alto commissario il Consiglio diSicurezza delle Nazioni Unite ha ormai sufficienti informazioniportare la Siria davanti alla Corte penale internazionale."Sono convinta che indagini e azioni legali siano un elementocruciale per porre fine a questi crimini". "Prendono di mira ibambini (per qualsiasi motivo) e in grande numero. Centinaiasono rinchiusi e torturati...E' semplicemente orrendo" harivelato Pillay. "Bambini con ferite di arma da fuoco nelginocchio, detenuti insieme agli adulti in condizioni inumane,ai quali vengono negate le cure mediche, tenuti in ostaggio ousati come informatori", ha aggiunto Pillay. "Non vi e' nessunaprescrizione - ha concluso - persone come Assad possono andareavanti per molto tempo, ma un giorno dovranno affrontare lagiustizia". (AGI).