Milan, Berlusconi lascia dopo 30 anni: con lui  28 trofei - Foto

La cessione del club rossonero ai cinesi sancisce la chiusura di un ciclo iniziato il 20 febbraio del 1986 quando il 'patron' di Mediaset rilevo' per 6 miliardi di lire la squadra da Giussy Farina

Milan, Berlusconi lascia dopo 30 anni: con lui  28 trofei - Foto
Silvio Berlusconi consegna il trofeo intitolato a Luigi Berlusconi al capitano del Milan Massimo Ambrosini (Afp) 

Milano - Dopo poco piu' di 30 anni e la vittoria di 28 trofei (13 dei quali internazionali), finisce al Milan 'l'era Berlusconi', 21esimo presidente della storia del club. La cessione della societa' rossonera ai cinesi sancisce la chiusura di un ciclo 'glorioso' iniziato il 20 febbraio del 1986 quando il 'patron' di Mediaset rilevo' per 6 miliardi di lire la squadra che era sull'orlo del fallimento da Giussy Farina. Negli anni si succederanno 8 scudetti, 5 Coppe dei Campioni/Champions League, 3 titoli intercontinentali, 6 supercoppe nazionali, 5 europee e una Coppa Italia. Palmares che fara' dire a Berlusconi piu' volte di essere 'il presidente piu' vincente al mondo'. Tredici gli allenatori chiamati a guidare la squadra (5 negli ultimi 4 anni) che hanno messo in campo giocatori 'record' di presenze e trofei come Paolo Maldini, Franco Baresi, Massimo Ambrosini.

La prima 'rappresentazione' pubblica, faraonica, il 18 luglio quando Silvio Berlusconi presenta la squadra all'Arena Civica del capoluogo lombardo atterrando davanti ai tifosi in elicottero con i giocatori e con il sottofondo musicale della 'cavalcata delle Valchirie'. Nel 1987 arriva gia' lo scudetto atteso da 11 anni e che vedra' protagonisti i cosiddetti 'immortali' di Arrigo Sacchi con Gullit, Van Basten, Ancelotti e l'esordiente Costacurta. Tra l'88 e l'89 un fantastico tris di vittorie: Coppa dei Campioni contro il Benfica, Coppa Intercontinentale contro il Medellin e la Supercoppa Europea contro il Barcellona. I successi proseguono anche quando inizia l'avventura politica del 'cavaliere'. Il 18 maggio 1994 Berlusconi giura per la prima volta da presidente del Consiglio e il Milan nello stesso giorno batte 4 a 0 il Barcellona nella finale di Atene conquistando la sua quinta Coppa dei Campioni e sempre nello stesso anno anche il terzo scudetto consecutivo con Capello allenatore. Tra alti e bassi si arriva all'ultimo scudetto, il 18esimo, nel 2011 cui seguira' un periodo di 'stasi' di vittorie arrivato fino ad oggi. (AGI)