La Via, dalla Banca Mondiale alla direzione generale del Tesoro

(AGI) - Roma, 23 mar. - Vincenzo La Via e' il nuovo direttoregenerale del Tesoro e va a occupare il posto lasciato vacanteda Vittorio Grilli quando e' stato nominato viceministrodell'Economia. Per La Via si tratta di un ritorno al Ministerovisto che, tra il 1994 e il 2000, e' stato direttore generaledel Tesoro per il Debito Pubblico. Ruolo ora ricoperto da MariaCannata, che nei giorni scorsi era stata indicata come'papabile' candidata alla poltrona di direttore generale. In qualita' di nuovo dg del Tesoro, La Via sara' il capo diun Dipartimento che, all'interno del

(AGI) - Roma, 23 mar. - Vincenzo La Via e' il nuovo direttoregenerale del Tesoro e va a occupare il posto lasciato vacanteda Vittorio Grilli quando e' stato nominato viceministrodell'Economia. Per La Via si tratta di un ritorno al Ministerovisto che, tra il 1994 e il 2000, e' stato direttore generaledel Tesoro per il Debito Pubblico. Ruolo ora ricoperto da MariaCannata, che nei giorni scorsi era stata indicata come'papabile' candidata alla poltrona di direttore generale. In qualita' di nuovo dg del Tesoro, La Via sara' il capo diun Dipartimento che, all'interno del ministero dell'Economia edelle Finanze, ha un ruolo chiave: e' infatti responsabile diprocessi chiave a supporto dell'elaborazione e dell'attuazionedelle scelte di politica economica e finanziaria del Governo,sia in ambito nazionale che internazionale. La Via proviene dalla Banca Mondiale, dove per la primavolta ha ricoperto il ruolo di direttore finanziario dal 2005.In qualita' di membro del Senior Management Team del GruppoBanca Mondiale, ha supervisionato la gestione delle VicePresidenze responsabili per le questioni di Corporate Finance &Risk Management, Tesoreria, Controllo di Gestione, Finanzaagevolata e partnership globali, Servizi Generali, nonche' leoperazioni sotto la diretta responsabilita' del Chief RiskOfficer della Banca Mondiale. Inoltre, ha presieduto laCommissione Finanze e il Comitato di gestione delle pensionidella Banca Mondiale. La Via e' stato responsabile per losviluppo e l'implementazione efficace delle politiche e delleazioni tese a garantire la solidita' finanziaria, la disciplinadi bilancio e la sostenibilita' finanziaria a lungo terminedella Banca Mondiale. In particolare, ha gestito le funzioni direporting finanziario, contabilita', pianificazione strategicae di bilancio, rischio di credito e mercato, corporate finance;gestione della liquidita' e del patrimonio e sviluppo di nuoviprodotti. Nel corso del suo mandato ha anche rappresentato laBanca Mondiale al Financial Stability Board. Il suo operato,spiega una nota di Palazzo Chigi, e' stato fondamentale pergettare le basi che hanno permesso di lanciare e concludere consuccesso il primo aumento importante di capitale della BancaMondiale in oltre venti anni. Nel 2007, La Via ha inoltrepresieduto il processo di ricostituzione del fondo della BancaMondiale destinato ai paesi piu' poveri, ovvero l'AssociazioneInternazionale per lo Sviluppo (IDA). In precedenza, ha ricoperto il ruolo di Chief FinancialOfficer per Banca Intesa, mentre tra il 1994 e il 2000 haprestato servizio presso il ministero del Tesoro italiano. Inqualita' di direttore generale del Tesoro per il DebitoPubblico, La Via ha cambiato la struttura del debito italiano,aumentandone la resistenza agli shock generati dallafluttuazione dei tassi d'interesse e riducendo i costi diservizio del debito. (AGI).