Facebook: la nuova frontiera per il business delle Pmi

(AGI) - Roma, 19 mar. - In tempi in cui l'economia mondialeviaggia con il segno meno le buone notizie arrivano dai socialnetwork. Il report di Deloitte Uk ha sottolineato che Facebook,il social nato per connettere le persone, ha anche un impattoeconomico su aziende di ogni dimensione e contribuisce allacreazione di posti di lavoro nel mondo e in Italia. Laquestione e' stata al centro dell'incontro "L'impatto economicodi Facebook in Italia" che si e' svolto oggi a Roma alMinistero dello Sviluppo Economico. I numeri parlano chiaro:l'impatto economico di Facebook a livello globale e'

(AGI) - Roma, 19 mar. - In tempi in cui l'economia mondialeviaggia con il segno meno le buone notizie arrivano dai socialnetwork. Il report di Deloitte Uk ha sottolineato che Facebook,il social nato per connettere le persone, ha anche un impattoeconomico su aziende di ogni dimensione e contribuisce allacreazione di posti di lavoro nel mondo e in Italia. Laquestione e' stata al centro dell'incontro "L'impatto economicodi Facebook in Italia" che si e' svolto oggi a Roma alMinistero dello Sviluppo Economico. I numeri parlano chiaro:l'impatto economico di Facebook a livello globale e' valutatoin 227 miliardi di dollari, con 4,5 milioni di nuovi posti dilavoro.

Facebook e Pmi: ministro Guidi, confermato impegno Mise

Per quanto riguarda l'Italia il valore generato e' di6 miliardi, con un indotto complessivo per l'occupazione dicirca 70mila unita'. Nel dettaglio: in Italia 3 miliardi didollari e 36mila posti di lavoro riguardano le attivita'pubblicitarie, 700 milioni di dollari e 10mila impieghiderivano dallo sviluppo e la vendita di applicazioni, mentre2,1 miliardi e 24mila posti sono stati creati grazie allavendita di device mobile e servizi di connettivita'. Ognigiorno in tutto il mondo 890 milioni di persone utilizzanoFacebook, di questi 20 milioni sono italiani. Per incoraggiarelo sviluppo di nuovi prodotti e servizi, abbattere i confinilinguistici e geopolitici, stimolare i processi di innovazionee favorire la creazione di nuovi posti di lavoro - soprattuttotra i piu' giovani - e' stato firmato un protocollo di intesatra Facebook e Confcommercio. "Un roadshow su tutto ilterritorio nazionale - spiega Alessandro Micheli, presidenteConfcommercio giovani - per far crescere la cultura digitaletra le Pmi. Abbiamo il dovere di cambiare e di adeguarci aitempi che stiamo vivendo. Bisogna acquisire consapevolezza cheuna piattaforma come quella di Facebook non e' solo un sistemavirtuale, ma si puo' trasformare in una importante opportunita'economica". E' sul mobile che si gioca la partita: altro datorilevante del report Deloitte e che deve far riflettere e' chea livello mondiale la maggior parte degli utenti di Facebookutilizza soprattutto l'applicazione mobile. Il social staquindi contribuendo ad abituare le persone a essere connesse inmobilita', trasformando lo smartphone in uno strumentoindispensabile di relazione e di business. "L'incontro di oggiha rappresentato un momento importante di condivisione econfronto su temi cruciali per la crescita del nostro paese" hadichiarato Luca Colombo, Country Manager Facebook Italia, "Lapresenza di esponenti sia del mondo imprenditoriale, cheaccademico e istituzionale testimonia l'urgenza di un processodi digitalizzazione reale delle imprese e di un uso di Internetche sappia valorizzarne i propri obiettivi di business. Ildigitale non e' piu', infatti, un settore a parte, ma una parteintegrante della nostra economia di cui le aziende di ognidimensione e mercato devono poter cogliere gia' oggi leopportunita' per rimanere competitive. Siamo orgogliosi, comeFacebook, di fare parte di questa rivoluzione come strumento dibusiness, di informazione e di mobilitazione". (AGI)