Comuni: Roma spendacciona, Milano e Torino piu' attente

(AGI) - Roma, 18 nov. - Roma e' tra i grandi capoluoghi diprovincia piu' 'spendaccioni' mentre Milano e Torino possonodefinirsi piu' attente al bilancio. Tra le regioni invece lapalma d'oro va alla Calabria mentre quella che spende di piu'e' l'Abruzzo. E' quanto emerge dal database realizzato da Mef eSose, 'OpenCivitas' che confronta la spesa storica di comuni eprovince delle regioni a statuto ordinario con il fabbisognostandard (la stima del fabbisogno finanziario di un ente inbase alle caratteristiche territoriali e agli aspettisocio-demografici della popolazione residente). Va rilevato chela spesa storica utilizzata

(AGI) - Roma, 18 nov. - Roma e' tra i grandi capoluoghi diprovincia piu' 'spendaccioni' mentre Milano e Torino possonodefinirsi piu' attente al bilancio. Tra le regioni invece lapalma d'oro va alla Calabria mentre quella che spende di piu'e' l'Abruzzo. E' quanto emerge dal database realizzato da Mef eSose, 'OpenCivitas' che confronta la spesa storica di comuni eprovince delle regioni a statuto ordinario con il fabbisognostandard (la stima del fabbisogno finanziario di un ente inbase alle caratteristiche territoriali e agli aspettisocio-demografici della popolazione residente). Va rilevato chela spesa storica utilizzata per il confronto con i fabbisognie' quella del 2010 e che il raffronto non e' indice diefficienza o inefficienza. Una spesa superiore al fabbisogno(come quella di Roma) puo' indicare inefficienza, ma ancheerogazione di servizi con un livello piu' elevato. In pratica,quel comune spende di piu' per dare ai propri cittadini servizidi standard elevati. Giudici supremi saranno, appunto, icittadini che meglio di tutti conoscono cosa funziona e cosa nonella città. Al contrario, una spesa inferiore al fabbisognostandard puo' si' indicare un alto livello di efficienza maanche l'erogazione di servizi con un livello piu' basso. Fattaquesta dovuta premessa la differenza tra fabbisogni e spesa aRoma risulta -7,42% mentre a Milano e a Torino positiva,rispettivamente, dello 0,78% e del 7,85%. Spendono di piu'rispetto al fabbisogno anche Firenze (-6,75%), Bologna (-4%) eNapoli (-3,97%). A livello regionale e' l'Abruzzo che guida laclassifica dei spendaccioni (-12,23%), seguito da Lazio(-6,42%), Toscana (-5,16%) e Campania (-2,85%). Piu' attente aibilanci il Piemonte (7,48%), il Veneto 7,29 e la Lombardia3,42% con la Calabria (9,80%)che si piazza, a sorpresa, alprimo posto. (AGI).