Airbus: le stragi dei piloti suicidi, 3 precedenti

(AGI) - Roma, 26 mar. - Nella storia recente dell'aviazionecivile si ricordano almeno tre casi in cui la volonta' suicidadi uno dei piloti ha portato allo schianto di un aereo di lineae alla morte di tutte le persone a bordo. Il caso piu' remoto risale al 21 agosto del 1994, quando unin Marocco ATR42 della compania di bandiera Royal Air Maroc sifracasso' al suolo nei pressi della citta' di Agadir, unalocalita' balneare sulla costa atlantica del Paese. Morirono 44persone, tra le quali 8 italiani. Le autorita' marocchineaccertarono dopo un paio di giorni,

(AGI) - Roma, 26 mar. - Nella storia recente dell'aviazionecivile si ricordano almeno tre casi in cui la volonta' suicidadi uno dei piloti ha portato allo schianto di un aereo di lineae alla morte di tutte le persone a bordo. Il caso piu' remoto risale al 21 agosto del 1994, quando unin Marocco ATR42 della compania di bandiera Royal Air Maroc sifracasso' al suolo nei pressi della citta' di Agadir, unalocalita' balneare sulla costa atlantica del Paese. Morirono 44persone, tra le quali 8 italiani. Le autorita' marocchineaccertarono dopo un paio di giorni, anche in quell'occasionegrazie al "cockpit voice recorder", la scatola nera cheregistra le conversazioni nella cabina di pilotaggio, che siera trattato di un gesto suicida del pilota, Younes Khiati, cheaveva 35 anni. Agghiaccante l'audio degli ultimi 30 secondi involo, dopo la brusca virata che mette il muso verso terra,quasi in verticale. Il copilota urla per 18 volte "comandante,cosa fa?", e tra le sue implorazioni si sente l'unica parolapronunciata da Khiati, "mourir", morire. Il 19 dicembre del1997 in Indonesia un Boeing 737-300 della "Silk Air" sidisintegro' nell'impatto al suo in zona paludosa della giungladell'isola Sumatra. Le vittime furono 104. Dopo quasi tre mesidi indagini, la commissione d'inchiesta indonesiana concluseche a fare precipiutare l'aereo, peraltro nuovissimo e inservizio da soli 10 mesi, fu un'azione volontaria del capitanoTsu Way Mingil che voleva togliersi la vita. Anche allora fu lascatola nera a rivelare la tragedia, registrando la lottaingaggiata invano dal copilota per assumere il controllo delvelivolo. Il 31 ottobre del 1999 un Boeing 747 "Jumbo" dellacompagnia egiziana "Egyptair" piombo' in mare davante allecoste americane del New England. Tutte le 217 persone a bordopersero la vita. La National transort safety board (Nstb),commissione federale americana per la sicurezza dei trasporti,dall'esame delle scatole nere stabili' che non c'era statonessun guasto e che l'areo era precipitato per un'azionedeliberata del copilota, Gamil El Batouty, che negli ultimimesi aveva avuto un serie di gravi problemi personali. (AGI)