Terence Hill ricorda Bud Spencer "non abbiamo mai litigato"

Terence Hill ricorda Bud Spencer "non abbiamo mai litigato"
 bud spencer terence hill

Roma - Ultimo addio di Roma a Bud Spencer nella Chiesa degli Artisti dove fan, amici, colleghi e curiosi si sono affollati per l'ultimo saluto a 'Bambino'. Giuseppe Pedersoli, il figlio dell'attore scomparso tre giorni fa a 86 anni, ha raccontato di aver vissuto in una famiglia allargata, "la nostra, solida e unita", ma anche quella composta da "tutti gli attori che hanno lavorato con lui e dal pubblico che non ha mai smesso di volergli bene", per non parlare di Terence Hill al quale il figlio di Spencer ha ricordato che "Trinità e Bambino sono due fratelli veri", citando così uno dei loro film più noti. In seguito sono intervenute le figlie e gli stuntmen protagonisti di tante scazzottate.

Bud Spencer, 50 anni di cinema: da Bambino a Piedone, dallo sceriffo extraterrestre al genio di Alladin

Quindi è stato il momento dello stesso Terence Hill: "Bud ripeteva sempre una frase, 'ma non abbiamo mai litigato', e la ripeteva continuamente con stupore. Era la dimostrazione che noi ci rispettiamo e ci amiamo", ha continuato, e "quando Giuseppe mi ha comunicato che Bud era andato via io ero ad Almeria, in Spagna, nello stesso punto dove ci siamo incontrati la prima volta per girare il nostro primo film. E dopo la confusione, il dispiacere, il dolore, è arrivata una sensazione di calma, quasi di gioia: ho capito che niente avviene a caso, che la vita è eterna e che per questo Bud la viveva con gioia. Sono certo che quando lo incontrerò - ha concluso 'Trinità' - mi verrà incontro con la sua sella in spalla e mi dirà: 'ma non abbiamo mai litigato'".