Tarantino in 70mm solo in tre sale, 'assalto' dei fan

Tarantino in 70mm solo in tre sale, 'assalto' dei fan
Tarantino (Cauti)

Roma - Oggi arriva in sala in 600 sale, l'ottavo film di Tarantino, in nversione adattata. In quella originale da 70mm e' in programmazione solo in tre citta', dove ci sono le uniche tre sale italiane tecnicamente attrezzate per il tipo di proiezione (Tarantino ha girato il suo film in formato panoramico ormai dimenticato: una variante del 70mm chiamata Ultra Panavision 70): il Cinema Arcadia di Melzo (MIlano), il Cinema Lumiere della Cineteca di Bologna e il Teatro 5 di Cinecitta' Studios a Roma che, per la prima volta nella storia, e' stato trasformato in una sala cinematografica. Il film ha ottenuto in soli 3 giorni di programmazione un incasso di 107.828 euro e un totale di 9.239 presenze. "Siamo felici di presentare il film nel formato Ultra Panavision 70mm - spiega Piero Fumagalli, proprietario del Cinema Arcadia che ha totalizzato 38.210 euro con 3.827 ingressi -. Da sempre in Arcadia ci impegniamo per offrire la migliore esperienza cinematografica possibile, il grande cinema sul nuovissimo grande schermo di 30 metri di base e nuovo impianto audio Meyer Sound - Dolby Atmos. Siamo contenti che il pubblico abbia risposto in modo cosi' eclatante e abbia apprezzato l'unicita' della proiezione in 70mm. Abbiamo accolto circa 4.000 spettatori provenienti da tutta Italia e dall'estero nel primo weekend e le prevendite per i prossimi giorni sono oltre 7.000 biglietti".

Grande soddisfazione espressa anche da Giuseppe Basso, Amministratore Delegato di Cinecitta' Studios, che in tre giorni ha raggiunto le 3.328 presenze ed un incasso di 49.680 euro: "I numerosi spettatori che hanno affollato il Teatro 5 in tutti gli spettacoli, compreso quello del mattino in versione originale, evidenziano il grande amore che il pubblico italiano ha per il Cinema con la "C" maiuscola - spiega -. Un segnale incoraggiante che giunge anche nelle stesse ore in cui il governo si sta occupando di riorganizzare il sistema con una legge importante che segnera' un cambiamento epocale". Entusiasta anche Gian Luca Farinelli, direttore della Fondazione Cineteca di Bologna dove in 2.084 si sono recati a vedere il film di Tarantino per uin incasso di 19.938 euro. "The Hateful Eight e' nella storia del cinema come Avatar al contrario - dichiara -. Il film di Cameron annunciava la fine del mondo della pellicola, il film di Tarantino annuncia che quel mondo, secondo uno dei grandi creatori contemporanei, invece non e' affatto finito. Era naturale che di fronte al nuovo film di un paladino della pellicola come Quentin Tarantino, la Cineteca di Bologna facesse ogni sforzo per compiere un capolavoro della visione: regalare agli occhi dello spettatore lo spettacolo di un film girato e proiettato in 70mm". (AGI)