'Binge Love', l'amore al tempo delle serie tv

'Binge Love', l'amore al tempo delle serie tv

Roma - Se il 'binge drinking' è l'assunzione smodata  di alcolici in tempi concitati, non meno pericoloso è il fenomeno del  'binge watching', noto a tutti gli appassionati di serie televisive e in  procinto di diventare ancora più epidemico con l'avvento di Netflix. Di  questa sindrome, che spinge a restare alzati fino a tarda notte davanti  al pc in attesa che vengano caricati i sottotitoli della nuova puntata  di 'Game Of Thrones' o a rifiutare i contatti con il mondo esterno per  poter vedere le prime due serie di 'Narcos' in un'unica soluzione, sono  vittime anche Violetta e Tyko, i protagonisti di 'Binge Love', la  fortunata web serie di Screen Week le cui nuove puntate verranno  presentate oggi in anteprima al Roma Web Fest.

Per gli appassionati di serie televisive è difficile non riconoscersi  nei due giovani nerd che, circondati da pile di fumetti, vivono come una  tragedia postmoderna un segnale del wi fi ballerino e fanno a gara a chi  conosce meglio la saga del Signore degli Anelli. E' questa possibilità  di identificazione, oltre ai toni leggeri e alla componente autoironica  generazionale (in linea con altre web serie di successo come The Pills)  il segreto che ha consentito a 'Binge Love' di guadagnarsi, puntata dopo  puntata, un pubblico folto e affezionato. (AGI)