La moltiplicazione giapponese che fa fatto 100 milioni di visualizzazioni

Un video virale spiega come fare l'operazione in modo semplice e senza conoscere le tabelline 

La moltiplicazione giapponese che fa fatto 100 milioni di visualizzazioni

Spesso li chiamano “trucchi matematici”, ma sono semplici sistemi che hanno ben poco del magico e del trucco. E ce n’è uno che, postato sulla pagina Facebook ‘Did you know?’ è diventato virale con numeri strabilianti dalla sua pubblicazione: la “Japanese Multiplication” ha ottenuto oltre 100 milioni di visualizzazioni dall’11 novembre scorso (con oltre 2 milioni e 100 mila condivisioni e 95 mila commenti).

Il sistema, per la verità assai semplice, consente qualsiasi moltiplicazione a due cifre senza conoscere le tabelline e senza alcuno sforzo.

Un "trucco" e tanti nomi

Ne ha pubblicato una versione ancor più semplice, perché ideografica, il quotidiano spagnolo ‘El Paìs’, ricordando che questo metodo è già stato proposto al grande pubblico altre volte, anche se con diverse varianti e nomi differenti: per esempio, la “moltiplicazione Maya”, anche se pare che l’antico popolo precolombiano poco abbia a che fare con questo “trucco matematico”. E qualche dubbio, sul fatto che sia correntemente utilizzato in Giappone più che altrove, il divulgatore JoséAngel Murcia non lo nasconde. 

Per sapere come funziona il metodo, si fa più presto a guardare il video riprodotto più giù che spiegarlo a parole.

Ad ogni modo, si tenga presente che nel caso, per esempio, di 34 x 12, si tracciano in alto tante linee quante corrispondono alle decine (3), e in basso quelle corrispondenti alle unità (4) del primo fattore. Quindi, a sinistra della pagina le linee corrispondenti alle decine del secondo fattore (nel nostro caso 1) e a destra quelle relative alle unità (2). Tracciata questa griglia, si ricava il risultato contando i punti di intersezione fra linee orizzontali e verticali nell’ordine seguente: destra in basso; destra in alto più sinistra in basso; sinistra in alto. I numeri che si ricavano vanno scritti nel risultato da destra a sinistra.

Provare per credere.

 

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it