Assegnati i Premi Imperiale 2015; quest'anno nessun italiano

(AGI) - Roma, 10 set. - Il giapponese Tadanori Yokoo, iltedesco Wolfgang Laib, l'inglese Mitsuko Uchida e i francesiDominique Perrault e Sylvie Guillem sono i vincitori delPraemium Imperiale 2015, assegnato dalla Japan Art Association.L'annuncio e' stato dato oggi a Roma da Lamberto Dini,consigliere internazionale del Premio, considerato il piu'importante al mondo nel settore dell'arte. Conferito in 5discipline, e' andato a Yokoo per la pittura, a Laib per lascultura, a Uchida per la musica, a Perrault per l'architetturae a Guillem per il teatro/cinema. A differenza degli ultimianni, non c'e' nessun italiano

(AGI) - Roma, 10 set. - Il giapponese Tadanori Yokoo, iltedesco Wolfgang Laib, l'inglese Mitsuko Uchida e i francesiDominique Perrault e Sylvie Guillem sono i vincitori delPraemium Imperiale 2015, assegnato dalla Japan Art Association.L'annuncio e' stato dato oggi a Roma da Lamberto Dini,consigliere internazionale del Premio, considerato il piu'importante al mondo nel settore dell'arte. Conferito in 5discipline, e' andato a Yokoo per la pittura, a Laib per lascultura, a Uchida per la musica, a Perrault per l'architetturae a Guillem per il teatro/cinema. A differenza degli ultimianni, non c'e' nessun italiano tra i vincitori. Nel 2014 fupremiato lo scultore Giuseppe Penone, nel 2013 il pittore escultore Michelangelo Pistoletto e nel 2012 un altro scultore,Cecco Bonanotte. Gli artisti sono premiati per i risultaticonseguiti, per l'influenza da essi esercitata sul mondodell'arte a livello internazionale e per il contributo datoalla comunita' mondiale con la loro attivita'. Ciascuno deivincitori ricevera' un premio di 15 milioni di yen (circa111mila euro), un diploma e una medaglia conferiti dal Patronoonorario della Japan Art Association, il Principe Hitachi,durante la cerimonia di premiazione che si svolgera' a Tokyo ilprossimo 21 ottobre. Giunto alla ventisettesima edizione, ilPremio conferisce un prestigio internazionale in campoartistico pari a quello dei Premi Nobel in campo scientifico.La sua autorevolezza gli viene unanimemente riconosciuta anchegrazie all'estremo rigore delle selezioni dei candidati e dellascelta finale dei vincitori. In ciascuno dei sei Paesi deiconsiglieri internazionali del Premio, appositi Comitati daessi presieduti propongono le candidature per i riconoscimentiannuali. Successivamente, tra queste "rose" di nomi i Comitatidi selezione della Japan Art Association provvedono a sceglierei cinque vincitori. Sono assicurate cosi' la massima serieta' el'assenza di qualsiasi calcolo o condizionamento. Tra iconsiglieri internazionali figurano statisti ed esponenti dispicco del mondo imprenditoriale e culturale: Lamberto Dini,Klaus-Dieter Lehmann, William Luers, Christopher Patten,Jean-Pierre Raffarin e Yasuhiro Nakasone. Sono invececonsiglieri onorari Jacques Chirac, David Rockefeller, DavidRockefeller Jr., Helmut Schmidt e Francois Pinault. I vincitoridel 2015 andranno ad aggiungersi ai 134 artisti gia' insignitidel Premio, tra i quali Claudio Abbado, Gae Aulenti, IngmarBergman, Luciano Berio, Cecco Bonanotte, Leonard Bernstein,Peter Brook, Anthony Caro, Enrico Castellani, Christo eJeanne-Claude, Federico Fellini, Dietrich Fischer-Dieskau,Norman Foster, Frank Gehry, Jean-Luc Godard, David Hockney,Willem de Kooning, Akira Kurosawa, Sophia Loren, UmbertoMastroianni, Mario Merz, Issey Miyake, Giuseppe Penone, RenzoPiano, Michelangelo Pistoletto, Maya Plisetskaya, MaurizioPollini, Arnaldo Pomodoro, Robert Rauschenberg, MstislavRostropovich, Ravi Shankar e Giuliano Vangi. Dal 1997 il Premioprevede anche una Borsa di Studio per giovani artisti, che e'andata quest'anno alla Yangon Film School (Myanmar/Direzionegenerale: Berlino). In questo caso l'assegno e' pari a 5milioni di yen (circa 37mila euro). (AGI).