Un doodle per Anna Freud, madre della 'psicologia dell'Io'

(AGI) - Roma - Il profilo di un bambino e l'internodella sua mente, coloratissima, e' la chiave per interpretareil doodle che  [...]

(AGI) - Roma, 3 dic. - Il profilo di un bambino e l'internodella sua mente, coloratissima, e' la chiave per interpretareil doodle che Google dedica oggi ad Anna Freud, figlia delcelebre Sigmund, di cui ricorre il 119esimo anniversario dellanascita. Il logo della home page del motore di ricerca e'disegnato con poligoni colorati che potrebbero richiamare a unamappa astratta della psiche dei bambini, cosi' diversa daquella degli adulti. Non a caso l'esperta di psicoanalisiinfantile Anna Freud fu la prima a identificarne le differenzesalienti tra i disturbi dei 'grandi' e quelli dei bambini, cherichiedevano un diverso approccio e un diverso metodo divalutazione. La studiosa scrisse sull'argomento moltissimistudi e articoli indicando ad esempio nell'assenza di unrapporto con la madre una causa di ritardo dello sviluppopsichico del bambino. Inoltre fu caposcuola della scuolapsicoanalitica detta di "Psicologia dell'Io", che ebbe moltafortuna negli Stati Uniti. Anna Freud contribui' in particolarea concettualizzare e sistematizzare il funzionamento deimeccanismi di difesa dell'Io, inizialmente intuiti da SigmundFreud, aggiungendone altri alla teorizzazione paterna. Aggiunseanche che l'identificazione con l'aggressore e' una forma dialtruismo, poiche' crea un'interazione tra l'individuo e unaltro nel suo mondo. L'infanzia di Anna non fu certo facile, soprattutto per ladistanza affettiva dalla madre e il difficile rapporto confratelli e sorelle. Non ancora ventenne manifesto' un forteinteresse per la psicoanalisi, mentre soffriva di depressione,insonnia e idee ossessive. Dal 1918 inizio' quindi la terapiacon il padre, sei sere la settimana per quattro anni. Tuttavia,dopo qualche anno dalla fine della cura, lei stessa confesso'in una lettera a un'allieva del padre che i suoi problemi nonerano stati risolti. Nel 1923 Anna Freud inizio' a occuparsi inmodo sistematico di psicoanalisi infantile e due anni dopotenne un seminario all'Istituto di Formazione Psicoanalitica diVienna sulle tecniche psicoanalitiche da applicare ai bambini.Nel 1927 pubblico' il libro 'Introduzione alla tecnica dellapsicoanalisi infantile' e fino al 1934 fu segretario generaledella Societa' Psicoanalitica Internazionale. Quindi divennedirettore dell'Istituto di Formazione Psicoanalitica di Viennae nel 1936 pubblico' 'L'Io e i meccanismi di difesa', una dellesue opere piu' celebri dedicate a tutte quelle operazioni conle quali l'Io si protegge dall'angoscia. Suo fu il merito dimettere in evidenza l'importanza dell'Io, fino a quel momentopiuttosto trascurato a favore dell'inconscio. A partire daglianni Cinquanta viaggio' molto negli Stati Uniti dove insegno' etenne conferenze. Negli anni successivi studio' i ritardidell'eta' evolutiva e la violenza domestica sui minori. AnnaFreud mori' a 86 anni, nel 1982 (AGI)