Non chiamateli toy-boy. Gli amori che sfidano il tabù anagrafico

Sandra Milo si è presentata al Festival di Venezia con il nuovo giovane fidanzato. Alla faccia del pregiudizio anagrafico-amoroso, come oltralpe ha fatto la coppia Macron

toy boy sandra milo 
Maria Laura Antonelli / Agf
Sandra Milo con il compagno Alessandro Rorato 

Pedro Almodovar, Brad Pitt, Scarlett Johansson stanno monopolizzando la Mostra del cinema di Venezia, e fin qui non ci piove. Ma c’è un’altra star che a 86 anni, quando tanti coetanei e  coetanee passeggiano a braccetto con i badanti, si è strategicamente presa una buona quota di riflettori: Sandra Milo, che ringalluzzita e probabilmente ispirata dalla sua “Posta del cuore” nel “Io e te” di Raiuno, in laguna si è presentata trionfante con nuovo fidanzato al seguito: il ristoratore veneto Alessandro Rorato, 49 anni. 

“Sandra ha la freschezza di una donna giovane” ha detto l’imprenditore in qualche intervista qua e là,  mentre lei si è eloquentemente limitata a mostrare alle telecamere l’anellone testimonial del nuovo amore  (“rappresenta un cuore, il cuore grande di Sandra Milo” ha precisato lui).

Così grande e sensibile, il cuore neoinnamorato dell’attrice preferita da Federico Fellini, da aver ispirato anche un libro di liriche , “Il corpo e l’anima. Le mie poesie" (Morellini editore) che la Milo presenterà a metà settembre.

Reale, mediatica, friabile o solida che sia, la nuova coppia, con i suoi 37 anni di differenza ha però il merito di riaprire il dibattito sulle relazioni sentimentali fra donne e uomini più giovani, oggi ancora spesso considerate un’anomalia sentimentale evidenziata dall’inevitabile etichetta di “toy boy” affibbiata ai più giovani partner di turno, mentre nessuno si mai sognato di chiamare “toy girl” Tina Kunakey 22 anni, trenta in meno del marito Vincent Cassel, ex della coetanea Monica BellucciAlejandra Silva, 35, terza moglie del neo settantenne Richard Gere.  

Il rischio di un futuro da badante, quando la differenza d’età è notevole, sia da parte femminile che maschile, esiste, ma i 24 anni  che separano Melania Trump e il 74enne Donald Trump non disturbano nessuno, mentre a Brigitte Macron, 66 anni, non si perdonano ancora i 25 che la separano dal marito-presidente, tanto che in una recente intervista a Vanity fair lei si è quasi trovata costretta a dichiarare che Emmanuel spesso “è più vecchio di lei”.

Anche il cinema, sulla carta più libero della politica, non risparmia diffidenze anagrafiche, come sa bene  Valeria Golino costretta ai tempi del suo legame con Riccardo Scamarcio a subire costantemente la sottolineatura sui suoi 14 anni in più dell’attore. 

Ma che l’amore non sia alimentato solo da una conta dei compleanni e delle rughe, non lo sostiene solo il neofidanzato della Milo (“Ha la freschezza di una giovane donna. Mi affascina. Lei è una donna che ha fatto della libertà il suo credo, come si può non amarla?”)  ma anche sessuologi e avvocati matrimonialisti che danno in crescita i legami tra donne in età e uomini più giovani attratti da sicurezza, competenza, indipendenza economica (e forse anche archiviazione dell’orologio biologico cerca-figli ndr).

Certo, c’è relazione e relazione. La popstar Madonna è dogmatica nella scelta del fidanzati giovani, solo modelli che non abbiano superato i trent’anni, così come da noi Lory Del Santo, adesso legata al modello Marco Cucolo, 34 anni meno di lei.  Da noi, in politica svettano per mediaticità, con tanto di telecamere del Grande Fratello, dove lui era concorrente, la deputata Pd Stefania Pezzopane, 59 anni e il suo Simone Coccia, 36 anni, mentre Fiorella Mannoia legata al musicista Carlo Di Francesco, 37 anni e quindi 26 meno di lei, ha difeso molto a lungo la sua privacy. Due anni fa con il  Corriere della Sera si è concessa però un liberatorio coming out sentimentale: “Gli uomini con cui sono stata prima non mi hanno mai fatta sentire così tanto bella. Ognuno è libero di aderire alle proprie passioni. Non sei mai solo e infelice, quando ne hai. La vecchiaia non esiste“.

Per dirla con l’83enne Woody Allen, uno che dell’argomento se ne intende (Soon-yi ne ha 48), “basta che funzioni”. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.