TI Media: rosso di 5, 3 milioni nel 2014

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media,riunitosi sotto la presidenza di Severino Salvemini, haesaminato e approvato la relazione finanziaria annuale al 31dicembre 2014. I ricavi consolidati del Gruppo dell'esercizio2014 sono pari a 70,5 milioni di euro, in riduzione di 1,7milioni di euro rispetto all'esercizio 2013 (72,2 milioni dieuro). Tale andamento e' integralmente attribuibileall'Operatore di Rete ed e' dovuto alla scadenza, a fine 2013,dei contratti con alcuni clienti, solo parzialmente compensatida ricavi da nuovi clienti e dal consolidamento dei ricavi delsecondo semestre di Rete A S.p.A. (9,4 milioni di euro)

Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia Media,riunitosi sotto la presidenza di Severino Salvemini, haesaminato e approvato la relazione finanziaria annuale al 31dicembre 2014. I ricavi consolidati del Gruppo dell'esercizio2014 sono pari a 70,5 milioni di euro, in riduzione di 1,7milioni di euro rispetto all'esercizio 2013 (72,2 milioni dieuro). Tale andamento e' integralmente attribuibileall'Operatore di Rete ed e' dovuto alla scadenza, a fine 2013,dei contratti con alcuni clienti, solo parzialmente compensatida ricavi da nuovi clienti e dal consolidamento dei ricavi delsecondo semestre di Rete A S.p.A. (9,4 milioni di euro) nonpresenti nel 2013. L'EBITDA e' pari a 25,4 milioni di euro; siriduce di 4,8 milioni di euro rispetto all'esercizio 2013 (30,2milioni di euro) e riflette prevalentemente la riduzione deiricavi solo parzialmente compensata da una riduzione dei costioperativi di Persidera S.p.A. Escludendo le attivita' di ReteA, l'EBITDA del Gruppo risulta in riduzione di 7,0 milioni dieuro. L'EBITDA di Telecom Italia Media S.p.A. risulta anch'essoin riduzione di 1,0 milioni di euro. L'EBIT e' pari a 5,9milioni di euro rispetto a 1,8 milioni di euro dell'esercizio2013 e sconta minori ammortamenti per 8,8 milioni di eurointegralmente attribuibili all'Operatore di Rete. Talevariazione e' principalmente imputabile agli ammortamenti diRete A per 2,2 milioni di euro, non presenti nel 2013, e allaridefinizione in sede di revisione annuale delle vite utilidelle frequenze dell'Operatore di Rete - allungate dal 31dicembre 2028 al 31 dicembre 2032 a seguito dell'assegnazionedefinitiva delle licenze per l'esercizio delle attivita'televisive - e degli impianti di ricetrasmissione, realizzatain coerenza con le evoluzioni tecnologiche di tali impianti. Ilrisultato netto e' pari a -5,3 milioni di euro rispetto a-132,0 milioni di euro nell'esercizio 2013, periodo cheincludeva un valore complessivo di Discontinued Operations,legate alla cessione di La7 e di MTV Italia, pari a -133,6milioni di euro. L'indebitamento finanziario netto e' pari a269,4 milioni di euro, in aumento di 9,5 milioni di eurorispetto a fine 2013 (259,9 milioni di euro). L'andamento e'principalmente attribuibile al fabbisogno per gli investimentiindustriali del periodo per 6,4 milioni di euro (relativiall'implementazione della Rete di Trasporto e Backup e allanuova infrastruttura di emissione per canali televisivi"Playout" dell'Operatore di Rete, inclusivi di 0,7 milioni dieuro di investimenti di Rete A), al risultato della gestioneoperativa positiva del periodo (EBITDA -25,4 milioni di euro e? Working Capital +10,1 milioni di euro), all'effetto nettoderivante dal consolidamento del debito di Rete A al 30 giugno2014 (+21,1 milioni) e all'incasso netto del consolidatofiscale per 15,2 milioni di euro. Vanno inoltre aggiunti altriesborsi netti per 12,5 milioni di euro che includonoprincipalmente gli oneri finanziari netti del periodo per 9,0milioni di euro. .