Terremoto: frana blocca corso del fiume Nera, allagata strada

Macigni ostruiscono l'alveo e l'acqua esonda sulla Statale Valnerina

Terremoto: frana blocca corso del fiume Nera, allagata strada
 Castelsantangelo sul nera

Visso (Macerata) - Una frana di grosse proporzioni blocca il corso del fiume Nera all'altezza dell'abitato di Visso. Le scosse di terremoto che, da questa mattina, si ripetono con forte intensità, fanno precipitare enormi massi dalle montagne che corrono ai lati della strada, molti di questi massi sono finiti nell'alveo del fiume ostruendone per buona parte il deflusso.

L'acqua ha invaso la sede stradale e sta salendo di livello. Secondo quanto riferisce il comandante del Corpo Forestale responsabile per il Parco dei Monti Sibillini, Roberto Nardi, la portata del fiume in quel punto è di 2.000 litri di acqua al secondo e non riescono a defluire del tutto attraverso la galleria che è più avanti. Questo fa sì, per l'appunto, che il livello dell'acqua esondata salga.

Per ora si sta studiando, con il Genio Militare dell'Esercito, come operare e creare nuovamente una via di scorrimento per l'acqua. Tutto questo, però, mentre le scosse, di forte intensità, si susseguono. Ce ne sono state due proprio mentre il cronista dell'Agi era con il comandante del Cfs sul posto della frana. E con le scosse, la montagna fa precipitare altri metri cubi di massi e roccia che vanno ad intasare ulteriormente il corso d'acqua.

La Statale Valnerina resta quindi un punto molto critico per i collegamenti dell'intera zona interessata dal sisma. Anche dall'altra parte di Visso, in direzione di Camerino, ci sono problemi lungo la sede stradale e c'e' il rischio di interruzioni, stante le numerose deformazioni causate dalle scosse. (AGI)