Telecom Italia Media: modalita' e termini esercizio diritto recesso per incorporazione in Telecom Italia

Avviso agli azionisti - Modalita' e termini di esercizio del diritto di recesso a seguito di avvenuta iscrizione della delibera di fusione per incorporazione di Telecom Italia Media SpA in Telecom Italia SpA.

Si comunica che in data 27 maggio 2015 è intervenuta l'iscrizione nel Registro delle Imprese di Roma della delibera con cui l'Assemblea degli azionisti ordinari di Telecom Italia Media S.p.A. del 30 aprile 2015 (l'Assemblea) ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Telecom Italia Media S.p.A. in Telecom Italia S.p.A. (la Fusione).
Gli azionisti ordinari che non abbiano votato a favore della Fusione e gli azionisti di risparmio sono legittimati ad esercitare il diritto di recesso ai sensi di legge (il Recesso).
Il valore di liquidazione delle azioni per le quali sia esercitato il Recesso è pari a euro 1,055 per ciascuna azione ordinaria ed euro 0,6032 per ciascuna azione di risparmio.
Il Recesso potrà essere esercitato dagli azionisti legittimati, per tutte o parte delle loro azioni, mediante lettera raccomandata (la Dichiarazione), da spedire alla Società al seguente indirizzo: Telecom Italia Media S.p.A. c/o Telecom Italia S.p.A. Casella Postale 435 10121 TORINO entro l'11 giugno 2015.
La Dichiarazione dovrà pervenire in busta chiusa recante esternamente la dicitura: "Esercizio diritto di recesso" e indicare: (i) le generalità del recedente, ivi inclusi il codice fiscale (se attribuito), il domicilio per le comunicazioni inerenti al procedimento, un recapito telefonico e, ove possibile, un indirizzo e-mail; (ii) il numero e la categoria delle azioni per le quali viene esercitato il Recesso; (iii) l'indicazione dell'intermediario presso cui sono depositate le azioni oggetto di recesso e (iv) una dichiarazione del socio recedente che tali azioni sono libere da pegni o altri vincoli in favore di terzi. Qualora le azioni siano gravate da vincoli in favore di terzi, il recedente dovrà altresì allegare alla Dichiarazione una dichiarazione del soggetto a cui favore sia apposto il vincolo, con la quale questi presti il proprio consenso irrevocabile ed incondizionato alla loro liberazione e liquidazione. Al seguente indirizzo: www.telecomitaliamedia.it/assemblea2015/fusione, a cui si invita a fare riferimento, è disponibile una modalità di compilazione on-line della Dichiarazione (oltre che, in alternativa, un modello scaricabile per compilazione a mano).
Il socio recedente dovrà richiedere, a pena di inammissibilità dell'esercizio del Recesso, all'intermediario presso cui sono depositate le azioni oggetto di recesso, la trasmissione alla Società di apposita comunicazione (la Comunicazione) che attesti la titolarità ininterrotta delle azioni per le quali viene esercitato il Recesso in capo al socio recedente da prima dell'apertura dei lavori dell'Assemblea sino alla data di rilascio della Comunicazione (inclusa).
Compete agli azionisti recedenti: (i) assicurare la correttezza delle informazioni contenute nella Dichiarazione di Recesso e (ii) inviare tale Dichiarazione a Telecom Italia Media S.p.A. entro il termine dell'11 giugno 2015, non assumendo la Società alcuna responsabilità al riguardo. Le Dichiarazioni inviate oltre l'11 giugno 2015 e/o sprovviste delle necessarie informazioni e/o per le quali non pervenga in tempo utile la Comunicazione non verranno prese in considerazione.
Si rammenta che:
> ai sensi di legge, l'intermediario che rilascia la Comunicazione rende indisponibili le azioni per le quali è esercitato il Recesso sino al trasferimento delle azioni medesime e al pagamento del relativo valore di liquidazione. Pertanto dette azioni non potranno costituire oggetto di atti di disposizione da parte dell'azionista recedente e saranno bloccate, indipendentemente da qualsiasi variazione del loro prezzo di mercato e/o della situazione patrimoniale e/o delle prospettive gestionali e reddituali della Società;
> l'efficacia dell'esercizio del Recesso è subordinata all'efficacia della Fusione, che – ai sensi del progetto approvato dalle assemblee di Telecom Italia Media S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. – produrrà i suoi effetti a far data dall'ultima delle iscrizioni dell'atto di Fusione (ovvero dalla data successiva indicata nell'atto medesimo), la cui stipula avrà luogo non prima di 60 giorni dall'iscrizione della deliberazione di Fusione di Telecom Italia S.p.A. presso il Registro delle Imprese di Milano (a oggi non ancora verificatasi).
Telecom Italia Media S.p.A. offrirà a tempo debito in opzione ai soci le azioni oggetto di recesso in proporzione al numero di azioni da questi possedute, per un termine non inferiore a 30 giorni, come per legge, comunicando tempi e modalità di adesione all'offerta e ogni opportuna informazione relativa alla procedura di liquidazione nell'ambito di apposito avviso, che sarà pubblicato con le stesse modalità del presente avviso. Gli azionisti che eserciteranno il diritto di opzione, purché ne facciano contestuale richiesta, avranno altresì diritto di prelazione nell'acquisto delle azioni Telecom Italia Media S.p.A. che siano rimaste inoptate all'esito dell'offerta in opzione. La procedura di liquidazione sarà anch'essa subordinata all'efficacia della Fusione e, pertanto, il trasferimento delle azioni per le quali sia eventualmente esercitato il Recesso ai relativi acquirenti, nonché il pagamento agli azionisti recedenti del valore di liquidazione delle azioni, per il tramite dei rispettivi intermediari depositari, avverranno solo una volta che la Fusione sia stata completata.
Si precisa che Telecom Italia S.p.A. ha dichiarato che eserciterà, direttamente o indirettamente, il diritto di opzione (e il correlato diritto di prelazione, come per legge) sull'intera quota delle azioni ordinarie e di risparmio di Telecom Italia Media oggetto di recesso.